Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

Appalto truccato alla Asl Rm C

cinque arresti

Appalto “truccato” alla Asl Rm C: con questa accusa da questa mattina cinque persone tra funzionari pubblici dell’azienda sanitaria, imprenditori, docenti universitari e titolari d’impresa operanti nel settore dell’informatica sono agli arresti domiciliari, accusati di aver pilotato una gara d’appalto per l’informatizzazione della Asl romana.

Le indagini, condotte dai carabinieri del nas di roma, sono iniziate nel luglio di un anno fa, in seguito alla pubblicazione della gara a procedura aperta riguardante la progettazione, realizzazione e gestione del sistema informatico della asl piu’ grande d’Italia, gia’ protagonista della vicenda giudiziaria nota alle cronache come “lady asl”.

Anche questa volta, al centro dell’inchiesta, una donna, , responsabile dell'area gestione economica e finanziaria dell'ufficio bilancio della stessa Asl, nonche' socia occulta dell'azienda Insidhe business consulting srl, interessata alla gara per il tramite della societa' partecipante H-elite.

Manager della Asl da due anni, e titolare fino al 2006 di una società che si occupa di consulenze finanziarie nel settore. La donna avrebbe gestito tutto sin dall’inizio, con l’intento di favorire un’altra societa’che avrebbe poi dato in sub-appalto dei servizi alla ditta della quale era socia occulta.

L’importo della gara, gestita poi illecitamente, si aggirava sui 21 milioni di euro. Per tutti le accuse ipotizzate dalla procura di Roma sono quelle di corruzione, rivelazione di segreti d’ufficio, e turbativa d’asta.

[14-07-2008]

 
Lascia il tuo commento