Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Censimento campi nomadi

da oggi al lavoro per i rilievi

Partirà da oggi il censimento dei campi nomadi, che si avvarrà di 50 persone messe a dispozione dalla Croce Rossa italiana.

I rilievi verranno fatti sia nei campi nomadi regolari che in quelli abusivi. Maurizio Barra, presidente della Croce Rossa, oggi ha spiegato che si sta completando la fase preparatoria per mettere a punto gli aspetti operativi. in questi giorni si susseguono gli incontri con il prefetto Carlo Mosca, commissario straordinario per i rom.

E intanto si continua a discutere della volontà del governo di schedare i minori rom prendendogli le impronte digitali. La Croce Rossa applicherà quanto richiesto dal Viminale. Contro le impronte digitali dei bambini rom si scaglia invece la Uil, che dice di non capire quale sia la differenza tra un piccolo rom ed un bambino italiano.

Sì alle regole condivise ma no ai traumi infantili. Con tali misure – dice il sindacato – anziché l’intergrazione si otterrà soltanto il contrario, cioè il possbile allontanamento dei piccoli dai genitori”. E per il campidoglio oggi a parlare è il vicesindaco che propone misure alternative. la necessità di identificare questi bambini c’è – dice Mauro Cutrufo - perché sono i genitori che sfruttano la loro impunibilità. Nel 1991 fu fatto uno "schedario conoscitivo" con le fotografie per evitare che le stesse persone utilizzassero nomi diversi quando venivano portati in commissariato, questo è un altro sistema possibile ma deve funzionare. Oggi il problema – aggiunge Cutrufo - è che nessuno torna in patria e che in tanti continuano ad arrivare. Secondo il Campidoglio i rom a Roma sarebbero passati dai 6mila del 1992 ai 24mila di oggi. La Croce Rossa ne stima invece 10mila.

SONDAGGIO, VOTA

 
TAG: nomadi
 

[01-07-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE