Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Perquisizione in una casa al Gianicolense

sotteranei forse usati per il sequestro Orlandi

La polizia scientifica ha analizzato i cunicoli dove potrebbe essere stata tenuta Emanuela Orlandi. Gli uomini della squadra mobile di Roma hanno effettuato una "ispezione dei luoghi" dell'appartamento e dell'ampio sotterraneo, in via Pignatelli, nei pressi di piazza San Giovanni di Dio, in zona Gianicolense, dove, in base alle dichiarazione rilasciate Sabrina Minardi, sarebbe stata tenuta la ragazza rapita il 22 giugno dell'83.

Alla perquisizione dell'appartamento e del sotterraneo hanno partecipato anche gli specialisti dell'Ert (Esperti ricerca tracce della Scientifica), che hanno utilizzato, tra l'altro, un georadar, per verificare se al di sotto del manto stradale siano presenti delle cavità. Gli agenti hanno effettuato delle verifiche anche in via Giovanni De Romanis, strada che fa angolo con via Pignatelli ed hanno utilizzato l'apparecchio anche nel giardino di una scuola materna che dista circa venti metri dalla palazzina dove, secondo Sabrina Mainardi, sarebbe stata tenuta prigioniera Emanuela Orlandi. Sul postosono stati presenti anche i pm titolare dell'inchiesta: il procuratore aggiunto Italo Ormanni e del sostituto Andrea De Gasperis che in passato si è occupato delle varie inchieste sulla banda della Magliana e perciò collabora ora a questi nuovi accertamenti.

Gli inquirenti hanno dunque deciso di andare a fondo nelle dichiarazione della ex compagna di Renatino De Pedis, che sostiene di aver accompagnato, 25 anni fa, con la sua macchina Emanuela Orlandi e di averla consegnata a un sacerdote. "Arriva 'sta ragazzina: era confusa, non stava bene, piangeva e rideva. All'appuntamento c'era uno che sembrava un sacerdote: scese da una Mercedes targata Città del Vaticano e prese la ragazza", ha raccontato ai magistrati la Minardi, fornendo molti dettagli per identificare la casa vicino a piazza San Giovanni di Dio, che aveva "un sotterraneo immenso che arrivava quasi fino all'ospedale San Camillo".

Quel sotterraneo sarebbe stato, sempre secondo il racconto della Minardi, ristrutturato e ripulito da un esponente di spicco della Banda della Magliana, Danilo Abbruciati.

 
TAG: Orlandi
 

[26-06-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE