Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Inquilini dei Colli Portuensi

sospeso lo sciopero della fame

Si istituirà un tavolo tecnico tra istituzioni presso la prefettura di Roma per risolvere la vicenda degli inquilini della case di via Colli Portuensi in sciopero della fame per la vendita degli edifici da parte del Fondo pensioni dipendenti ex Cassa di Risparmio Trieste Unicredit.

Questa richiesta è una delle conclusioni cui è arrivata la commissione Lavori  pubblici e politica della casa del Consiglio regionale del lazio. "La Regione nella medesima occasione, per bocca dei propri funzionari, ha indicato gli strumenti tecnico-finanziari utilizzabili a sostegno di quanti non riescono a far fronte ai prezzi di acquisto - prosegue la nota - Infine è stato espresso l'invito al Comune di Roma e al XVI Municipio a proseguire la propria trattativa con i responsabili del Fondo. Questi ultimi si sono detti disponibili ad un incontro con la commissione Lavori  pubblici e politica della casa tra il 7 ed il 10 luglio".

"Chiediamo ora agli inquilini - ha detto Carapella - di sospendere lo sciopero della fame in quanto le istituzioni, in accordo tra loro, si sono assunte impegni concreti".

Gli inquilini e l'AS.I.A., riunitisi immediatamente dopo l'incontro, reputando importanti i segnali provenienti dall'Amministrazione comunale, dall'amministrazione regionale e dal Fondo hanno deciso di sospendere lo sciopero della fame, ma continuano la mobilitazione per chiedere il blocco delle vendite a terzi. Ogni martedì, giorno stabilito per le visite dei potenziali acquirenti degli appartamenti messi in vendita dal Fondo, verrà allestito il presidio di accoglienza per la Gabetti, il cui mandato a vendere scade il 31 luglio".

 
 

[23-06-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE