Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Tentato omicidio alla Romanina

fermato l'aggressore

Pur di difendere l’amico che lo aveva appena gambizzato ha scaricato la colpa su ignoti. Ma gli uomini della squadra mobile, come ha spiegato stamane il nuovo capo della sezione omicidi Stefano Signoretti e del commissariato romanina a tre settimane dalla sparatoria hanno risolto quello che era apparso un giallo, un tentato omicido senza un perché.

Il 24 maggio scorso alle 16,30 un romano di 28 anni, con numerosi precedenti penali, viene trovato a terra sanguinante in via ubaldo comandino, zona anagnina. Ricoverato d’urgenza all’ospedale san Giovanni il ferito racconta di non sapere chi sia l’uomo con il volto coperto che gli han esploso contro quattro colpi di revolver, per poi dileguarsi.
In realtà tutto era avvenuto all’interno di un appartamento in un vicino stabile. In strada i poliziotti non rinvengono nessuna pallottola. Sono le tracce di sangue lasciate sul pianerottolo e sull’androne ad aiutare gli inquirenti a capire la vera dinamica della vicenda. L’apprtamento, dove è stato ritrovato un chilogrammo di cocaina pronta allo spaccio, era dotato di telecamere di sorveglianza… nel salone cocaina e birra ed anche alcuni bossoli.

I due comlici avevano trascorso il sabato pomeriggio facendo un festino ma poi all’improvviso è scoppiata la lite. E il pregiudicato 30enne, italiano anche lui, non ha esitato a sparare all’amico che nonostante le ferite è riuscito a trascinarsi in strada dando poi la colpa ad ignoti.

L’aggressore ha tentato la fuga all’estero ma ieri, sentitosi accerchiato, si e’ presentato alla polizia. Ora è accusato di lesioni gravissime, un’accusa però che può trasformarsi in tentato omicidio, visto che pur sparando alle gambe dell’amcio ha rischiato di ucciderlo. Un solo colpo all’arteria femorale, come ha sottolineato il dirigente del commissariato romanina antonio pignataro, provocare la morte per dissanguamento nel giro di un minuto. Anche il ferito e’ stato denunciato. Per lui l’accusa e’ di favoreggiamento.

[17-06-2008]

 
Lascia il tuo commento