Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Car: evitato il blocco della pesca

protesta contro il caro carburanti

Il caro-carburanti continua a scatenare proteste, ma al Centro agroalimentare di Roma la notte scorsa è passata tranquilla; ci sarebbero dovuti essere i blocchi e i picchettaggi dei pescatori, evitati, ma solo per il momento, e grazie all’appello dell’ad della società di gestione Cargest, Massimo Pallottini.

Pallottini è riuscito a scongiurare la congestione del martedì nero del pesce, nella notte tra il 2 e il 3 giugno, quando il blocco aveva provocato una flessione di oltre il 50% nella vendita e l’impennata dei prezzi.

Le consegne sono comunque molto ridotte e sui banchi bisogna far attenzione alla provenienza del pesce: quello italiano è solo di allevamento, il pescato fresco è sempre più raro, il resto è pesce proveniente dall’estero oppure surgelato.

Unico punto fermo all’orizzonte è la convocazione di tutte le associazioni e i sindacati legati alla pesca da parte del ministro per le Politiche agricole, Luca Zaia, lunedì 16 giugno a Verona.

Lo stop riguarda anche le marinerie di diversi Paesi dell’Ue: persino la Marina da guerra francese ha dovuto fermarsi in rada per la scarsità di carburante. Da Bruxelles ancora nessun intervento, ma arriva la garanzia di un aiuto concreto ai pescatori colpiti dal caro gasolio, in un paio di settimane al massimo.

 
 

[10-06-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE