Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Scoperta necropoli al Portuense

denunciati due ''tombaroli'', i reperti sono del I,II d.C.

Spunta una necropoli sulla Portuense del I,II sec d.C., è il risultato dell'ultima operazione della guardia di finanza di Fiumicino che ha portato alla denuncia di due persone per detenzione illecita di materiale archeologico, una terza ricercata è sfuggita al momento di un blitz notturno. La finanza ha recuperati molti reperti archeologici ed ha poi rinvenuto una necropoli nascosta al Portuense.

"Due noti tombaroli" li ha definiti così il comandante Marco La Malfa e grazie ai quali si è potuto ritrovare la necropoli risalente al I-II d.C. Le fiamme gialle, in seguito ad attività investigative sono giunte ai due uomini, 60 anni il primo, 45 il secondo entrambi italiani, e alla perquisizione delle loro abitazioni. "La quantità di materiale ritrovato nelle case dei due - spiegano i finanzieri - ci ha fatto capire che fosse un recupero di qualche scavo clandestino. In seguito siamo giunti all'individuazione del sito".

L'area si trova sull'antica via Portuensis nella zona di Castel Malnome fra Ponte Galeria e via della Muratella. Tre mila metri quadri l'area dello scavo che ha permesso di individuare circa 270 tombe, per la maggior parte uomini, tumulati individualmente e poi orecchini d'oro, urne e lucerne funerarie, chiodi, olette, boccali e monete imperiali, almeno 70, utilizzate come "obolo di Caronte" pedaggio per l'ultimo trasferimento e poi una collana di ambra che decorava la tomba di un bambino.

La necropoli rinvenuta è la più ampia della zona del suburbio di quella zona "dagli ornamenti funerari - ha detto il responsabile del settore di antropologia della soprintendenza Paola Catalano - si capisce che erano persone umili con ottima probabilità lavoratori delle vicine saline. Ma quello che è più importante è l'ottimo stato di conservazione dei corpi ritrovati". Proprio questo ha permesso, attraverso una tac, di individuare in un tumulato una grave malformazione fisica congenita, unico esempio ritrovato, sulla quale però erano intervenuti chirurgicamente evitando la morte dell'individuo in età infantile.

 
 

[09-06-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE