Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

A Roma il Gay Pride 2008

celebrati due simbolici matrimoni omosessuali

La capitale ha celebrato il giorno del Gay Pride 2008: il corteo è partito da piazza della Repubblica intorno alle 16,30, ed è giunto a piazza Navona (non a San Giovanni, come era stato chiesto invano) quasi due ore più tardi, poco prima delle 19:00. Cinquecentomila i partecipanti secondo gli organizzatori, 10-20 mila secondo la Questura. Tra le attrazioni della sfilata, oltre agli striscioni e ai carri - alcuni con aspetti folkloristici - va segnalata la celebrazione simbolica di matrimoni omosessuali, in una postazione itinerante appositamente allestita dall'Arcigay: confetti, fiori rosa, torta nuziale e perfino il lancio di riso. Fallito, invece, il tentativo di un piccolo gruppo di estremisti di destra di fare irruzione tra i manifestanti: sono stati bloccati dalle forze dell'ordine.

A celebrare il rito delle nozze omosessuali, la deputata del Pd Paola Concia (unica lesbica dichiarata dell'attuale Parlamento) e il giornalista del Tg1 Stefano Campania, che hanno suggellato la promessa di unione simbolica alle prime due coppie omosessuali della giornata: Domenico e Jeff, da 20 anni insieme, e Annalisa e Susy. In tutto le coppie che si sono "sposate" sono state quattro.

Moltissime le bandiere e gli striscioni che hanno invaso piazza della Repubblica, e che poi si sono mossi lungo il percorso della manifestazione. Il corteo è stato aperto da uno striscione con la scritta "testardamente, pari dignità laicità". Tenuto da Paola Concia, dall'assessore della Regione Lazio Luigi Nieri, dall'ex deputato del Prc Vladimir Luxuria, dall leader storico dell'Arcigay Franco Grillini, dall'assessore provinciale di Roma Massimiliano Smeriglio.

TENTATA AGGRESSIONE: E' accaduto quando una trentina di estremisti cerca i irrompere nel corteo, sventolando "bandiere nere con croce celtica". A segnalarlo è il presidente di Arcigay Roma, Fabrizio Marrazzo, sostenendo che il gruppo è stato bloccato dalle forze dell'ordine. Il tentativo è avvenuto a Piazza Venezia all'incrocio con via dei Fori imperiali, nei pressi dell'altare della patria. Secondo la testimonianza di un altro parteciante, si trattava di esponenti di Fiamma tricolore e di Casa Pound.

 
TAG: gay pride - gay
 

[07-06-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE