Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Da sapere
 
» Prima Pagina
 
 

Correggio e l'antico

Alla Galleria Borghese omaggio all’arte del maestro padano

di Nicola Navazio

Con la grande mostra alla Galleria Borghese e l'esposizione in calendario a Parma dal 20 settembre, il 2008 sarà ricordato come l'anno del Correggio, lo straordinario maestro padano che anticipò i temi del Barocco. A Roma sono allestite numerose tele provenienti dai maggiori musei del mondo, che poi andranno anche a Parma, dove si affiancheranno ad altri capolavori. Lì del Correggio si potranno ammirare da vicino, grazie a un sistema di impalcature e ascensori, anche i meravigliosi affreschi della Cattedrale e della Chiesa di San Giovanni Evangelista. L'iniziativa romana permette di presentare al largo pubblico la quasi totalità dell'opera del pittore cinquecentesco. L’allestimento della Galleria Borghese è tutto incentrato sul rapporto tra Correggio e l'antico, approfondendo la problematica di una sua ipotizzata presenza a Roma, mentre la rassegna parmigiana, si soffermerà sui contenuti sacri e profani e la loro reciproca influenza.

Anticipatore del Barocco, pittore dell'erotismo oltre che della grazia e degli affetti, artista che, secondo Stendal, "coi colori ha saputo rendere determinati sentimenti che nessuna poesia può esprimere", Antonio Allegri detto il Correggio è stato indicato dal Vasari come uno dei tre grandi del Rinascimento, anche se non riuscì mai ad occupare quel posto di prestigio che conquistarono invece Michelangelo e Raffaello. La sua capacità pittorica superò la morfologia dell'antico, nascosto sotto una visione straordinariamente viva. Correggio, come solo Raffaello ha saputo fare, seppe rendere vivo l'antico attraverso la vera cultura e non tramite la mera erudizione. Correggio visse nella Città Eterna tra il 1518 e il 1519, anche se non si affermò, probabilmente perché non volle, sul palcoscenico romano. Conosceva infatti le novità che si stavano imponendo nel campo artistico, la struttura spaziale di Raffaello e Michelangelo, ma volle tornare subito alla sua città, senza lasciare testimonianze artistiche. C'è però l'idea di Roma nelle sue opere, espressa in quella vitalità della classicità che solo sul luogo avrebbe potuto apprendere e maturare. Di questa “romanità” l’iniziativa alla Borghese tenta di fornire le prove attraverso le opere sacre e quelle profane, con alcune novità assolute. Si possono infatti vedere per la prima volta la "Danae" della Galleria Borghese, "Giove ed Io" e "Il ratto di Ganimede" dalla Kunsthistorisches di Vienna e, soprattutto, "L’educazione di Cupido" e "La Venere e Cupido addormentati e spiati da un satiro" originariamente concepiti come una coppia, ma oggi conservati rispettivamente alla National Gallery di Londra e al Louvre. Tra i dipinti a tema sacro, il visitatore può ammirare "Noli me tangere" dal Prado, la "Madonna del latte" di Budapest, "Quattro Santi" dal Metropolitan e "Adorazione dei magi" dalla Pinacoteca di Brera. C'è, insomma, quasi tutta la produzione del Correggio (una produzione non numerosa, in verità, anche a causa della morte prematura dell'artista), anche se mancano le inamovibili pale d'altare e gli affreschi.

Da rilevare che, il progetto dedicato al “pittore del Po” è il terzo appuntamento del programma "Dieci grandi mostre" messo a punto dalla direzione della Galleria Borghese e dal soprintendente al Polo Museale Romano Claudio Strinati che ha spiegato come "nonostante la biografia parli di un Correggio rimasto sempre chiuso nel suo mondo, tra Parma, Modena e Correggio, la sua arte fu rivolta alla straordinaria cultura del tempo e questo si spiega solo dimostrando la sua presenza a Roma e la sua frequentazione con gli artisti dell'epoca”. A questo scopo risulta particolarmente utile l'allestimento della mostra nella Galleria Borghese, cosa che rende possibile il confronto tra le opere del Correggio e quelle dei “moderni” dell'epoca, chiamati a decorare l'edificio al momento della sua costruzione.

“Correggio e l’Antico” chiuderà i battenti alla Galleria Borghese (Piazzale Scipione Borghese 5) il prossimo 14 settembre.

Orario dalle 9.00 alle 19.00. Tutti i giorni. Lunedì chiuso. Prenotazione obbligatoria al numero 06 32810.

sito della mostra: www.correggioelantico.it

[23-05-2008]

 
Lascia il tuo commento