Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Emergenza rifiuti a Roma

in città si producono 4.500 tonnellate ogni giorno

Una regione sull’orlo dell’emergenza, questa è l’immagine del Lazio per quanto riguarda la questione rifiuti. La crisi napoletana è stata evitata a Roma per la presenza della discarica di Malagrotta, l’impianto industriale più grande d’Europa.

Il piano regionale, preparato dalla giunta Marrazzo c’è, ma mancano ancora dei tasselli decisivi per la chiusura del ciclo dei rifiuti, per attivare cioè tutto il processo che porterà al superamento della logica dell’interramento del tal quale.Il piano Marrazzo si muove su due idee ispiratrici: maggior vigore alla raccolta differenziata, che per legge dovrà arrivare nel 2011 al 60%, e valorizzazione energetica del combustibile da rifiuti, da ottenere incrementando gli impianti esistenti nel Lazio.

Solo a Roma si producono, ogni giorno, 4500 tonnellate di rifiuti; secondo gli esperti sono necessarie otto linee, cioè quattro impianti : per trattare il combustibile che si ricava da questi rifiuti. Ad oggi sono in funzione gli impianti di San Vittore e Colleferro, tra pochi mesi entrerà in azione a Malagrotta il nuovo gassificatore. Si tratta di un impianto tanto all’avanguardia da attirare l’attenzione dei tecnici di tutto il mondo , che riesce a generare energia elettrica, senza produrre fumi. Si tratta del più moderno ritrovato delle tecnologia con un impatto ambientale minore degli altri processi di termovalorizzazione, visto che per le temperature utilizzate non vengono create diossine e furani. Il piano regionale prevede però la realizzazione di un altro gassificatore in località ancora da definirsi. Secondo alcune indiscrezioni la novità potrebbe interessare la zona dei Castelli Romani

 
TAG: rifiuti
 

[22-05-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE