Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Speed Racer

di Andy e Larry Wachowski. Con Emile Hirsch, Christina Ricci, Susan Sarandon

di Svevo Moltrasio

Il giovane Speed Racer è un pilota di assoluto valore, e grazie alla macchina costruita dal padre, si fa notare nel mondo delle corse. Una grande casa automobilistica corrotta lo vorrebbe con se, ma Speed preferisce rimanere unito alla famiglia e gareggiare contro i vari imbrogli.

Dopo aver chiuso con esiti deludenti la trilogia iniziata con il brillante MATRIX, i fratelli Wachowski tornano dietro la macchina da presa in seguito all’interessante parentesi in qualità di sceneggiatori e produttori di V FOR VENDETTA. Il nuovo lavoro prende spunto da un cartone animato giapponese di fine anni 60, distribuito anche da noi ma con due decenni di ritardo.

Anche i Wachowski utilizzando il computer e il green screen si accodano ad una moda sempre più diffusa a Hollywood, che tra i vari SIN CITY e 300 ancora non ha saputo raggiungere una vera qualità cinematografica. I registi immergono la pirotecnica vicenda in colori sgargianti e luminosi, abbandonando le atmosfere cupe della trilogia fantascientifica. Di pari passo anche la storia segue un ottimismo lontano da quanto ci si potesse aspettare dagli autori che, nella più classica tradizione americana, abbracciano i valori della famiglia e del sogno individuale.

Se per un verso il film risulta meno ostentato nella tecnica digitale, grazie ad un tono molto goliardico e infantile, dall’altro però non riesce mai a creare dei veri e propri personaggi, nonostante un cast di assoluto spessore. Inoltre le vicende si susseguono senza pathos, con corse interminabili che non catturano nemmeno dal punto di vista visivo. Le cose migliori i Wachowski le spendono nei primi minuti, con un bel prologo montato su diversi piani narrativi che avrebbe lasciato sperare in qualcosa di più che un fumettone infantile con poche idee. Allo stesso modo l’ironia non è mai particolarmente brillante dal momento che le risate più forti le cattura uno scimpanzé. Disastrosi i risultati ai botteghini di tutto il mondo.

 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - Wachowski - hirsch
 

[17-05-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE