Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sport Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma
 
 

Impresa Roma e il fenomeno Spalletti

-1 in classifica a una giornata dal termine

Luciano Spalletti di Marco Chinicò

Sembra un sogno ma è successo l’imprevisto; gli undici punti di distacco che due mesi fa sembravano incolmabili si sono ridotti ad uno solo.

La Roma ma soprattutto il popolo giallorosso ora ci crede e fa bene,l’Inter ancora una volta ha dimostrato di non essere capace di gestire un campionato che sembrava ormai a portata di mano ed il pareggio di ieri con il Siena ha reso il finale di stagione sempre più emozionante.

Il famoso detto che il campionato italiano di calcio è il più bello del mondo continua a prevalere,al cospetto di chi,dopo lo scandalo dell’estate 2006, sosteneva che il calcio italiano ormai aveva perso stile ed onore.

Il merito di emozioni cosi forti è di una squadra che, pur non avendo speso i milioni di euro in campioni come invece ha fatto l’Inter, riesce in ogni partita a prevalere sugli avversari con il gioco di squadra e con il valore tecnico di giocatori,fra cui in primis capitan Totti,i quali riescono a fare la differenza facendo sognare i loro beniamini.

Domenica prossima nel difficile scontro scudetto-salvezza con il Catania per la compagine capitolina si presenta la possibilità di chiudere una stagione ad ogni modo sempre brillante per i continui risultati ottenuti ma che potrebbe rivelarsi trionfale se l’Inter non dovesse riuscire a vincere a Parma.

Un pensiero particolare va a Luciano Spalletti,il quale ha iniziato ad allenare la Roma dovendo inizialmente fare i conti con chi non lo gradiva,memore delle precedenti sfortunate esperienze con Sampdoria e Venezia, culminate con due retrocessioni.

Nel giro di un anno il tecnico toscano si è fatto gradire da tutto il pubblico dello stadio olimpico che ora quasi sicuramente lo vorrebbe blindare a vita a Trigoria.

Il lavoro di Spalletti meriterebbe di essere coronato con un tricolore che oltre a dare un salto di qualità alla sua carriera potrebbe essere l’inizio di un ritorno del calcio romano ai vertici; indubbiamente se lo scudetto 2001, targato Batistuta e Montella è stato un successo, l’ipotetico quarto tricolore che potrebbe arrivare domenica prossima al Massimino sarebbe una vittoria ancora più bella, la ciliegina sulla torta di una miracolosa rimonta.

[13-05-2008]

 
Lascia il tuo commento