Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Partito Democratico

resa dei conti sul segretario cittadino

Stretto fra questioni locali e nazionali il Partito democratico è chiamato alla resa dei conti. Dopo la vittoria del centrodestra al governo e la sconfitta di Francesco Rutelli al Campidoglio, la prima occasione per medicare le ferite ed eventualmente trovare la via della guarigione è quella di domani.

Alle 10.30 al centro congressi di via dei Frentani, si riunirà la direzione capitolina alla quale si uniranno tutti gli eletti nelle liste del Partito democratico.

Un incontro dagli esiti imprevedibili che per ora conta solo due certezze: la corposa partecipazione e la presenza di due dimissionari: il coordinatore romano del Pd Riccardo Milana (in quota margherita) e il presidente diessino del partito mario ciarla.

In discussione domani ci sarà anche la poltrona del segretario regionale. Dopo le dimissioni di Nicola Zingaretti il 18 febbario scorso, le funzioni di coordinatore sono passate a Michele Meta.

Ma ora da più parti si chiede un segretario vero e proprio: probabile quindi che il nuovo leader del Lazio sia scelto dall’assemblea regionale, piuttosto che da nuove primarie.

Per la carica i nomi in lizza sono comunque quelli Luigi Zanda, di Mario di Carlo, di Linda Lanzillotta. Se milana dovesse lasciare la segreteria, la suo posto potrebbe subentrare Roberto Morassut.

In ballo, oltre alla segreteria del Lazio e a quella di Roma, ci sono anche le presidenze dei gruppi del Pd al Comune e alla provincia di Roma. Per il primo favorito è Umberto Marroni (il più votato in Campidoglio, in quota Ds, per palazzo Valentini invece c’è Pino Battaglia (sempre in quota ds), che in Campidoglio ha già guidato il gruppo negli ultimi due anni di consiliatura Veltroni”.

[08-05-2008]

 
Lascia il tuo commento