Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Censimento campi nomadi a Roma

quasi la metà è abusivo, in tutto sono 40

Negli ultimi mesi ne sono stati abbattuti a decine, campi sgomberati ma in città ce ne sono ancora parecchi e quasi la metà è abusivo. Sono circa quaranta i campi nomadi disseminati in città, 22 per la precisione, sono autorizzati dal comune, mentre altri 18 accampamenti sono abusivi.

Se consideriamo la mappa di queste realtà non autorizzate ci rendiamo conto che i campi abusivi sono a nord , lungo la Flaminia,e la Salaria ad est , lungo la Palmiro Togliatti e a sud ovest, nella zona compresa tra la Portuense e la Magliana.

Sono piccoli agglomerati di baracche e roulotte senza acqua corrente ed energia elettrica, nei quali le condizioni di vita sono fuori dal 21mo secolo, con tutti i rischi che ne conseguono per la salute di vi abita e per il decoro delle zone che li ospitano. Non solo , secondo il censimento delle forze di polizia, dei 22 insediamenti non abusivi , almeno 6 (via della Martora, via Casilina 900, via La Barbuta, via Pontina, via della Monachina e viale di Tor di Quinto) hanno gravi problemi di affollamento, condizioni di vita e sicurezza, ed altri 6 hanno bisogno di interventi urgenti. La situazione è complessa e di difficile soluzione, anche perché il fenomeno comprende realtà molto diverse l’una dall’altra, a fronte delle baraccopoli ci sono campi attrezzati nei quali i bambini sono inseriti nei programmi scolastici e le convivenza con i residenti della zona non è conflittuale.

 
 

[07-05-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE