Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Processo Laziogate

udienza da rifare

Piccolo passo in avanti nell’inchiesta passata alla storia giudiziaria come Laziogate: nel corso dell’udienza preliminare, che si è svolta questa mattina, il gup Mariolina Panasiti ha accolto la richiesta di Telecom di costituirsi parte civile nell’ambito del filone milanese, nel quale 22 persone sono accusate di presunto spionaggio ai danni di Alessandra Mussolini e Piero Marrazzo in occasione delle elezioni ammnistrative regionali del 2005.

Dei 22 imputati, 15 hanno chiesto il patteggiamento: i reati ipotizzati vanno dall’associazione a delinquere alla violazione del segreto d’ufficio alla corruzione. Secondo l’accusa, uomini dell’ex presidente della Regione Lazio Francesco Storace, avrebbero svolto indagini illecite violando l’anagrafe del Comune di Roma per verificare, attraverso tabulati telefonici, l’esistenza di eventuali firme false prodotte per presentare la lista di Alternativa Sociale alle elezioni amministrative.

Tra gli indagati, l’ex portavoce di Storace, Nicolò Accade, che non ha chiesto patteggiamenti, e gli investigatori privati Gaspare Gallo e Pierpaolo Pasqua.

Telecom si è costituita parte civile ritenendo che alcuni imputati si sarebbero procurati i tabulati telefonici in modo illecito.
L’udienza però, per un errore di notifica, si dovrà rifare da capo e questo potrebbe portare a delle modifiche nelle istanze di patteggiamento. La prossima udienza si svolgerà il 24 giugno.

 
 

[05-05-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE