Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Il signore va a caccia

Al Quirino un celebre testo di Feydeau diretto ed interpretato da Mario Scaccia

di Nicola Navazio

Equivoci, scambi di persona, giochi di parole, travestimenti, calembour…Sono questi gli ingredienti del vaudeville, genere teatrale francese che accompagna l’inizio del Novecento e che conosce in George Feydeau il suo esponente più celebre e fecondo e in Mario Scaccia l’interprete italiano che più di ogni altro ne saputo cogliere e restituire lo spirito. Al Quirino è in scena dal 6 al 25 maggio “Il signore va a caccia” , diretto ed interpretato dallo stesso Scaccia insieme con Debora Caprioglio, Rosario Coppolino ed Edoardo Sala. Il grande attore romano si misura per la terza volta nel corso della sua carriera con una delle commedie più spassose del drammaturgo francese. Solo interprete nel ruolo di Duchotel nel 1956 e nel 1974, oggi sorprende il pubblico in un ruolo per lui tutt’altro che convenzionale, firmando una messa in scena con assoluta fedeltà all’autore. “La fedeltà a Feydeau – sostiene Scaccia - va osservata anche e soprattutto nei movimenti da lui segnati perché ad essi sono legati i tempi delle battute e quindi i ritmi delle scene. Porte e mobilia dove lui indica che siano. Bandire l’ironia e la parodia è ridare a Feydeau l’autenticità comica del suo gioco”.

La vicenda è tutta giocata sul tema dell’adulterio e della gelosia in un vortice di situazioni sempre più paradossali ed esilaranti fra marito, moglie, amanti, poliziotti e varia umanità. La storia è ambientata in un appartamento parigino al n. 40 di Rue d’Athenes dove tutti i personaggi si incontrano casualmente e danno vita a una girandola di movimenti tra la commedia e la farsa, sottolineando volentieri i toni della satira di costume. Un vero e proprio meccanismo ad orologeria fatto di tempi perfetti, di entrate ed uscite a ripetizione, di continue sorprese che la regia di Scaccia sottolinea alla perfezione. “Feydeau è leggero, spiritoso, tocca la radice dei problemi umani – conclude - non è un autore disimpegnato, le sue commedie non sono prodotto di consumo perché è vero, invece, che esse disegnano un’epoca e ne colgono i primi elementi disgregatori”.

A completare il cast artistico Mario Patané, Consuelo Ferrara, Fabrizio Coniglio, Fabrizio Vona, Serena Marinelli e Francesco Di Trio.

Le scene sono di Andrea Bianchi Forlani, mentre i costumi di Antonia Petrocelli.

“Il signore va a caccia” è in scena al Teatro Quirino dal 6 al 25 maggio.

Per informazioni e prenotazioni biglietteria del teatro tel. 06/6794585 (ore 10/19 - lunedì riposo) 

[05-05-2008]

 
Lascia il tuo commento