Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

L'Altra Donna del Re

di Justin Chadwick. Con Natalie Portman, Scarlett Johansson, Eric Bana

di Svevo Moltrasio

Il Re d’Inghilterra desidera un figlio maschio ma la moglie non pare essere in grado di accontentarlo. Durante un viaggio nella campagna si imbatte nella famiglia Bolena che comprende anche due graziose ragazze. Il Re, assatanato, ne sceglie una, ma dopo poco pare desiderare l’altra. In tutto questo il suo regno rischia di andare a pezzi.

Presentato all’ultimo festival di Berlino, L’ALTRA DONNA DEL RE è tratto da un romanzo di Philippa Gregory ed è diretto dall’inglese Justin Chadwick. Se il regista proviene dalla televisione, il resto del cast è di assoluto rilievo: tra gli altri lo sceneggiatore di THE QUEEN, e la costumista due volte premio Oscar Sandy Powell. Inoltre l’accoppiata Scarlett Johansson e Natalie Portman sulla carta prometteva scintille.

Di produzione inglese, il film rientra nella categoria dei polpettoni in costume, dove i grandi episodi della storia sono spiati dal buco della serratura. Nello specifico la drammatica vicenda di Anna Bolena, madre della futura regina Elisabetta, e di sua sorella Mary, entrambe desiderate dal Re Enrico VIII e coinvolte in un intrigo che si rivelerà troppo grande per loro. La vicenda, tra notti d’amore, gravidanze e parti, si sviluppa in velocità, senza troppe riflessioni. Piuttosto che appassionare però la ricerca continua dei colpi di scena e dei ribaltamenti delle situazioni, stanca in breve tempo annegando l’intrigo in una banale monotonia.

Colpa di una regia televisiva che costruisce le scene sempre alla stessa maniera – panoramiche esterne cupe e minacciose, qualche passeggiare inquieto nei corridoi bui e poi battibecchi nelle stanze sfarzose – e una serie di personaggi caricaturali. Il gran cast può poco, d’altronde la Johansson è completamente fuori ruolo, Eric Bana, oltre a passare notti bollenti, per il resto si limita a camminare rabbioso verso la macchina da presa o a posare la testa sulla mano con fare pensieroso. La Portman perlomeno riesce ad essere antipatica.

*1/2

[03-05-2008]

 
Lascia il tuo commento