Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Immigrazione e campi rom

l'Opera Nomadi: ''No a sgomberi indiscriminati''

Per Gianni Alemanno è stata la chiave vincente della campagna elettorale, il tema della sicurezza e lo sgombero di tutti i campi nomadi abusivi. Alemanno ha promesso di espellere migliaia di rom, combattere l'accattonaggio e dotare la Polizia Municipale di maggiori poteri. A poche ore dall'elezione del nuovo sindaco di Roma, l'Opera Nomadi -l'ente morale vicino ai rom- esprime i timori che le politiche di Alemanno invece di rendere la città più sicura portino a sgomberi indiscriminati.

"Vogliamo incontrare il sindaco Alemanno subito, prima che vengano presi provvedimenti di carattere puramente propagandistico, -ha spiegato Massimo Converso, il presidente di Opera Nomadi- per garantire ai romani una sicurezza che non passa per l'espulsione dei rom, ma per il diritto all'accoglienza, al lavoro e alla casa per tutti. Noi siamo pronti a sottoscrivere un patto sociale che preveda da una parte le regole e dall'altra il rispetto del lavoro e dell'accoglienza".

"Abbiamo un po' di paura - spiega un nomade bosniaco del campo di Tor Sapienza, dicono che ci vogliono mandare via tutti quanti ma non siamo tutti uguali, c'è anche gente onesta tra di noi"

 
 

[30-04-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE