Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Alemanno nuovo sindaco

il primo intervento sulla sicurezza

Gianni Alemanno è il nuovo sindaco di Roma, il candidato del centrodestra ha preso il 53,7% dei voti contro il 46,3% di Francesco Rutelli.

"Quando si vince bisogna essere generosi - dice Alemanno - ci lasciamo alle spalle i veleni e le polemiche che hanno contraddistinto questa campagna elettorale". Sarà "sindaco di tutti i romani, senza pregiudizi e divisioni", sottolinea, e ringrazia chi l'ha votato "ma anche chi ha fatto una scelta diversa, che io rispetto".

Dall'altra sponda, nel quartier generale di Rutelli, a Marconi vicino al "Ponte di Ferro", grande delusione. Il candidato sindaco del centrosinistra Francesco Rutelli - terzo mandato se avesse vinto- incassa una sonora sconfitta: circa 7 punti.

"Una grande amarezza ma ho fatto il mio dovere" dice Rutelli che - come già Veltroni con Silvio Berlusconi la sera del 14 aprile - ha telefonato all'avversario per fargli gli auguri.

Al primo turno, Rutelli aveva ottenuto il 45,8% dei consensi con 761.126 voti. Ora, il candidato del centrosinistra si è attestato al 46,4% con 664,649 voti, il che equivale a un'emorragia di quasi 97 mila voti. Quanto ad Alemanno , al primo turno si era fermato al 40,7% con 677.350 voti, mentre nel ballottaggio è passato al 53,6% con 768.931 voti, 91 mila in più rispetto al 13-14 aprile.

Alla Provincia vittoria invece di Zingaretti, il candidato del centrosinistra si attesta al 51,5% con 997.281 voti e conquista Palazzo Valentini contro il 48,5% ottenuto dal candidato di centrodestra, Alfredo Antoniozzi (940.085 voti). Se si prendono in considerazione gli stessi seggi romani in cui si è votato per Rutelli e Alemanno, Zingaretti ha conquistato circa 80 mila voti in più rispetto al candidato sindaco del centrosinistra. Sulla cui sconfitta il voto disgiunto può aver influito in maniera significativa.

La sicurezza ha infiammato la campagna elettorale, con gli scontri più animati fra i candidati, soprattutto dopo l'aggressione di una ragazza a La Storta. Ma proprio sulla sicurezza Rutelli sente di aver fallito: "Il motivo della sconfitta è dipeso dalla ventata di destra, riassunto nel tema della sicurezza". Ammette che ci sono state "strumentalizzazioni pesanti" ma invita a "riflettere sui limiti della sinistra" per quanto riguarda "queste vicende".

Festa del centrodestra a piazza del Campidoglio , dalle 19:30 i sostenitori di Alemanno sono arrivati in piazza per inneggiare al nuovo sindaco di Roma.

VELTRONI: Grande amarezza nel campo avverso. "Quella di Roma, dove in Comune si è affermata la destra, è una sconfitta molto grave, molto pesante", dice Walter Veltroni. Che continua: "Io non posso non sentire con particolare acutezza e amarezza personale e politica. Voglio ringraziare Francesco Rutelli per il suo lavoro generoso e per il suo impegno e amore per la città".

L'analisi di Veltroni, in parte coincide con quella di Rutelli: "Credo che nell' insuccesso al Comune abbia pesato anche il vento politico che spira nel Paese, in particolare sul tema della sicurezza".

Ed è proprio in tema di sicurezza il primo intervento promesso da Alemanno: il suo primo gesto da sindaco sarà dedicato al vedovo di Giovanna Reggiani, la donna aggredita e uccisa nell'autunno dello scorso anno da un romeno, perché "sia chiaro che mai più potrà accadere una cosa del genere". Alemanno ha ribadito che intende "chiedere al prefetto la convocazione del comitato provinciale dell'ordine e della sicurezza perché vengano assunti tutti i provvedimenti che saranno ritenuti necessari".

RASSEGNA STAMPA EUROPEA

[28-04-2008]

 
Lascia il tuo commento