Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Non Pensarci

di Gianni Zanasi. Con Valerio Mastandrea, Anita Caprioli, Giuseppe Battiston

di Svevo Moltrasio

Un chitarrista fallito torna al paese dalla famiglia: qui ritroverà il padre ormai in pensione, la madre che frequenta assurdi corsi di benessere, il fratello che manda a rotoli l’azienda di famiglia e la sorella che pensa solo ai delfini. Più che trovare conforto dovrà darlo.

Presentato fuori concorso al Festival di Venezia, l’ultimo film di Gianni Zanasi ha conquistato immediatamente la critica che lo ha salutato come un mezzo miracolo per la nostra cinematografia, enfasi esasperata forse dalle deludenti opere nostrane in gara. Fatta eccezione per una breve introduzione a Roma, la storia è ambientata in un’imprecisata provincia italiana, con protagonista una famiglia piuttosto in crisi.

Le situazioni non sono troppo originali, e anzi molti snodi narrativi sulla carta rischiano il solito ritrattino provinciale, condito da personaggi depressi o stralunati, vicini al bozzettismo caro al nostro cinema. Ma per fortuna Zanasi lavora il materiale tramite una messa in scena molto agile che tende ad alleggerire, privilegiando l’atmosfera e l’ironia rispetto a superficiali psicologie. Così, pregio raro nei nostri film, lo spettatore riesce a partecipare e simpatizzare, finendo per seguire con divertimento le disavventure del chitarrista protagonista e dei suoi familiari.

E se la storia procede per un accumulo di avvenimenti spesso prevedibili – la disavventura sentimentale del fratello del protagonista, il suicidio dell’amico – la rapidità con cui Zanasi li affronta e li chiude regala freschezza e vitalità all’opera. Grazie anche alla felice direzione degli attori, con la conferma dello stato di grazia di Mastandrea e una serie di comprimari particolarmente indovinati, e un’incalzante colonna sonora che alterna brani rock a La Traviata di Verdi. Forse l’entusiasmo con cui è stato presentato è fin troppo eccessivo, ma Zanasi mostra di essere un autore e di non seguire le scorciatoie più banali.

**1/2

[10-04-2008]

 
Lascia il tuo commento