Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Com'Ŕ triste Manchester

Vincono ancora gli inglesi: Roma fuori dalla coppa. De Rossi fallisce un rigore

di Simone Luciani

L’immagine della partita è tutta nel volto di De Rossi dagli undici metri. L’immagine di un calciatore spaurito. Emozionato. Nervoso. E una palla sparata un metro sopra la traversa. La palla che avrebbe potuto rimettere in discussione una qualificazione che, visto anche il dominio del Manchester nella prima parte di gara, sembrava saldamente in mano agli inglesi.

Spalletti sceglie (ahimé) Cassetti terzino sinistro, mentre al centro ritorna Juan. Ferguson, invece, lascia addirittura a riposo Cristiano Ronaldo e Rooney. Come detto, la prima parte di gara vede il Manchester trovare spazi ovunque, e soprattutto a destra. Le occasioni fioccano per gli inglesi: la prima è al 7’ con un colpo di testa impreciso di Tevez da buona posizione. Poi gli avanti del Manchester trovano sulla loro strada un Doni strepitoso (lo fosse stato anche nella gara d’andata…): miracolo al 10’ su Hargreaves, a tu per tu, e ancora su un gran tiro di Giggs dal limite dell’area. In mezzo, buona occasione per Vucinic, che da posizione defilata ci prova trovando Van der Sar. Al 23’ miracolosa chiusura di Juan in scivolata su Tevez, perso da Cassetti, e un minuto dopo ancora Doni risponde a un gran tiro di Anderson. Dopo un nuovo tiro dal limite di Vucinic, respinto da Van der Sar, alla mezz’ora l’episodio chiave: Brown interviene in scivolata su Mancini e l’arbitro vede un rigore che forse non c’è (presa forse la palla). Ma un De Rossi con un aspetto allucinato spara alto. Un minuto dopo, ancora il mediano si trova la palla fra i piedi in piena area, ma perde il tempo e ci prova con un improbabile colpo di tacco. Finale di tempo con una Roma più coraggiosa, ma con un Manchester che dà sempre l’impressione di poter colpire.

Nella ripresa, Roma abbastanza determinata: al 2’ diagonale di Mancini respinto dalla difesa. Poi un bel tiro di Vucinic dal limite dell’area, con Van der Sar che non trattiene e Cassetti che viene anticipato sulla ribattuta da Ferdinand. Ma le occasioni più ghiotte arrivano tra il 12’ e il 13’: prima gran cross di Tonetto (entrato al posto dell’infortunato Cassetti, e ben più efficace), con palla che arriva a Taddei, il quale stoppa e tira un po’ macchinosamente dando modo alla difesa di chiudere, poi con Juan che su azione di corner colpisce di testa, e Van der Sar che risponde con una grandissima parata. Ancora Juan qualche minuto più tardi, sempre su azione di corner, non arriva su un traversone che attraversa tutta l’area. Poi, al 25’, la doccia fredda: cross di Hargreaves e colpo di testa in tuffo di Tevez che infila Doni. Il resto della gara è desolante, come prevedibile. Il Manchester (finale per Rooney e per il rientrante Neville, osannato) sfiora il raddoppio, con Park ancora a tu per tu con Doni, e ancora una gran risposta del portiere brasiliano. Inutili, nella Roma, gli ingressi di Giuly ed Esposito.

Nel computo delle due gare, il Mancester ha meritato il passaggio, dimostrando una volta di più di essere una squadra straordinaria. In casa giallorossa, però, resta da domandarsi come è possibile uscire da queste due gare senza aver segnato nemmeno un gol. La risposta è nella testa, ovviamente, non nei piedi. E Totti è mancato soprattutto dal punto di vista della personalità. Comunque, un’uscita molto più dignitosa (non ci voleva tanto, si dirà…) dello scorso anno. Magrissima consolazione. E i passi avanti da fare a livello di mentalità sono molti. Per l’anno prossimo, ma anche per un finale di campionato, dove, non dimentichiamolo, c’è uno scudetto in palio.

Manchester United: Van Der Sar, Brown, Piqué, Ferdinand, Silvestre, Carrick (28’ s.t. O’Shea), Hargreaves, Park, Anderson, Giggs (28’ s.t.Rooney), Tevez. A disp.: Kuszczak, Neville, Welbeck, Scholes, Ronaldo. All. Ferguson.

Roma: Doni, Panucci, Mexes, Juan, Cassetti (dall’11’ s.t. Tonetto), De Rossi, Pizarro (dal 23’ s.t. Giuly), Taddei, Perrotta, Mancini; Vucinic. A disp.: Curci, Cicinho, Brighi, Aquilani, Esposito. All. Spalletti.Arbitro: Ovrebo(Nor).

Marcatori: 25’ st Tevez.

Note: stadio tutto esaurito, ammonito Perrotta per gioco scorretto.

[09-04-2008]

 
Lascia il tuo commento