Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Alitalia, Air France rilancia

''Nessun lavoratore resterà a casa''

"Nessun lavoratore di Alitalia sarà lasciato per strada e sarà disegnata una soluzione appropriata per ciascuno dei 2.100 lavoratori previsti dal piano, di cui 1.600 in Alitalia e 500 in Alitalia Servizi". Lo ha detto il presidente di Air France-Klm Jean Cyril Spinetta, all'incontro con le nove sigle sindacali di Alitalia. Spinetta ha descritto i principi generali e le linee guida dell'accordo quadro che è pronto a proporre alle organizzazioni sindacali giovedì 27 marzo dopo il consiglio di amministrazione. Il numero uno di Air France-Klm ha anche auspicato che i sindacati di Alitalia prendano parte a incontri specifici, organizzati con le diverse categorie di lavoratori.

Il presidente di Air France-Klm si è detto è pronto a presentare giovedì un documento sulla base del quale proseguire la trattativa. "In tre anni 180 piloti giovani possono passare in Air France su base volontaria e con la possibilità di fare carriera velocemente". Questa, stando a quanto riferiscono fonti sindacali presenti all'incontro, è una delle prime aperture alle richieste sindacali. "Se nel 2010 la mia ricetta non funzionasse e non si raggiungesse la redditività utile a investire, sarebbe un mio fallimento", è quanto avrebbe detto Spinetta, secondo quanto riferiscono fonti sindacali. Il presidente del gruppo franco-olandese ha anche detto ai sindacati di «credere nelle possibilità di crescita per Alitalia all'interno del gruppo Air France-Klm, se così non fosse non ci scommetterei un solo centesimo». Spinetta non cambia comunque posizione sul futuro delle attività full cargo di Alitalia ribadendo che il progetto di acquisizione prevede un alleggerimento delle attività cargo per poi chiuderle nel 2010. Il tema è tra i nodi al centro del confronto con i sindacati per l'impatto sul numero degli esuberi previsti per i piloti.

SINDACATI "Siamo per proseguire la trattativa e per fare il possibile fino in fondo per cercare un'intesa". Il segretario generale della Filt-Cgil commenta così l'incontro con Air France-Klm sull'offerta per l'acquisizione di Alitalia. "Il giudizio finale dovrà essere nel merito - dice -, questo incontro rappresenta un passo avanti perché è stata smentita la logica del prendere o lasciare che i sindacati non erano disposti ad accettare". "Accettiamo la sfida di un futuro profittevole per Alitalia", dice Solari riferendosi alle parole del presidente di Air France-Klm che prevede un successo dell'operazione con un ritorno alla redditività per Alitalia nel 2010, ma "dobbiamo gestire l'oggi e questo significa affrontare il nodo del perimetro aziendale, creare una chance per tutti e darci un obiettivo".

IL TITOLO ALITALIA - E la possibilità di un'offerta di Air France che apra la strada a un accordo migliorativo ha messo le ali al titolo della compagnia di bandiera. Alla Borsa valori di Milano, Alitalia ha chiuso con +32,35% a 0,45 euro, dopo numerose sospensioni al rialzo e al ribasso e aver toccato un massimo teorico dell'87,9% e un massimo di seduta a 0,5 euro (+44%). Al termine delle contrattazioni sono passate di mano 71,5 milioni di azioni, vale a dire il 5,1% del capitale, quasi sette volte in più rispetto la media giornaliera delle ultime trenta sedute pari a 11,1 milioni di pezzi scambi.

[25-03-2008]

 
Lascia il tuo commento