Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Manifesti abusivi, l'attacco del commissario Morcone

''voglio una lista dei maggiori trasgressori''

Una lista dei maggiori trasgressori con tanto di danni arrecati alla città eterna. L’iniziativa è del prefetto Mario Morcone commissario straordinario del comune che ha indirizzato una lettera ai segretari nazionali e romani di tutte le forze politiche annunciando che renderà pubblico un rapporto sull’imbrattamento della città, in questi igorni sotto gli occhi di tutti.

"Purtroppo - scrive Morcone - è già possibile notare un diffuso fenomeno di grave abusivismo con affissioni sui muri dei palazzi e sugli arredi della città; ciò sta creando un incredibile dispendio di risorse economiche e di personale per l'amministrazione capitolina, la quale ha il dovere di assicurare il ripristino del decoro".

Il prefetto, che non è un politico, in attesa di lasciare il posto al nuovo sindaco, se la prende con i partiti, senza tanti giri di parole, ricordando anche le sanzioni. "La finanziaria del 2007 – scrive alle segreterie - ha autorizzato interventi repressivi e l'amministrazione comunale è decisa ad attuarli".

Girando per la citta’ e’ facile trovare manifesti abusivi ovunque, sulle facciate dei palazzi, sui muri e sui cassonetti dei rifiuti. Le cosiddette lasagne elettorali, invece,i manifesti sovrapposti unio sull’altro, campeggiano senza decoro nelle postazioni autorizzate. Quelli vecchi cadono a terra, e gli attacchini, che guadagnano fino a 200 euro al giorno, 6mila euro in un mese, lavorando a ritmi serratissimi, sono pronti a sostituirli, in un specie di battaglia senza esclusioni di colpi.

Il peggio probabilmente dovrà ancora arrivare, con l’avvicinarsi del voto. Eppure basterebbe assgenare ad ognuno una psotazione fissa dall’inizio alla fine della campagna elettorale, come avviene nel resto d’europa e nessuno avrebbe bisogno di coprire l’altro candidato. Un’idea evidentemente troppo semplice e civile per essere attuata.

[21-03-2008]

 
Lascia il tuo commento