Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

La sanitÓ regionale per i cittadini

presentato il rapporto annuale salute

Il federalismo nella sanità crea differenze di trattamento tra regione e regione, un disequilibrio inaccettabile al quale però nessuna forza politica sembra dare importanza. Alla viglia delle elezioni, cittadinanza attiva- tribunale per i diritti del malato lancia questo appello alla presentazione dell’XI rapporto pit salute, dal titolo non casuale "ai confini della sanità."

Sebbene gli errori medici (18%) l’accesso alle informazioni (17%) e l’invalidità (8%) risultino in testa alle segnalazioni dei cittadini – spiega Teresa Petrangolini segretario generale di Cittadinanza Attiva ai dlegati provenienti da tutta Italia –è il feralismo al 17,4% la criticità emergente dell’anno.

La disomogeneità tra i sistemi sanitari regionali obbliga i malati ai cosiddetti viaggi della speranza. Da qui la richiesta al nuovo governo di potenziare i controlli sull’effettiva erogazione dei Lea, i livelli essenziali di assistenza e la riduzione dei tempi d’attesa attraverso l’applicazione uniforme della normativa nazionale.

In questo quadro è il presidente della regione lazio piero marrazzo – che dinfede le eccellenze della regione lazio – a proporre un patto per la trasparenza ai 16 dirigenti delle asl. Basta con le agende tenute nascoste, dice perche’ sulle liste d’attesa non si fanno socnti.

"Nei prossimi due anni – aggiunge poi Marrazzo - la nostra battaglia punterà al decoro e alla dignità: bisogna avere parametri omogenei sui criteri di accoglienza nelle strutture sanitarie, a cominciare da una segnaletica unica da adottare in tutti gli ospedali".

[18-03-2008]

 
Lascia il tuo commento