Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Protesta dei lavoratori Ericsson

a rischio chiusura il settore ricerca

Sono ricercatori d'eccellenza, ingegneri delle telecomunicazioni, elettronici, laureati nelle migliori università romane. Ma l'azienda per cui lavorano, la romana Marconi, appartiene alla multinazionale Ericsson che ha annunciato ufficialmente di voler trasferire tutte la attività all'estero lasciandoli senza lavoro. 300 i dipendenti con alti profili professionali, tecnici specializzati con molti anni di esperienza, sono adesso a rischio.

La decisione sarebbe giunta del tutto inaspettata, dopo che la stessa Ericsson pochi mesi fa aveva comunicato all'azienda romana le sue buone performance in fatto di indicatori di qualità, efficienza e professionalità.

Striscioni alla mano un gruppo di ingegneri con una rappresentanza sindacale, stamane ha portato la protesta nell’aula del chiostro della facoltà di ingegneria - la Sapienza, dove era in corso un convegno dal titolo “sistema radiocinetelevisivo: formare, orientare, innovare” per sensiblizzare studenti ed ocenti, visto che i tagli coinvolgono anche gli atenei di Roma, con le quali l'azienda Marconi ha continue collaborazioni.

Solidarietà ai lavoratori i e preoccupazione per ciò che i tagli rappresentano per la ricerca nel lazio, sono state espresse anche dal professor Gianni Orlandi, docente di tecnologie dell’informazione e della comunicazione alla sapienza.

Ericsson Italia "smentisce annunci e notizie relative ad esuberi o licenziamenti". In una nota precisa che "con la rifocalizzazione dell'attività di ricerca e sviluppo, l'azienda rilancia il proprio impegno nell' innovazione sul territorio, ed esclude esuberi o licenziamenti nelle sedi italiane. Ericsson Italia vuole smentire ogni annuncio o notizia relativi ad esuberi o licenziamenti dell'azienda, confermando il proprio impegno a tutela dei dipendenti". Ericsson inoltre "evidenzia che questa strategia consente all'Italia di rafforzare il proprio ruolo di centro di eccellenza per la ricerca nelle reti a larga banda".

 
 

[17-03-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE