Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sport Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma
 
 

Maratona di Roma

tre keniani sul podio, tra le donne vince ''la Russia''

Sono partiti in 60 mila, divisi tra maratona e Stracittadina di 4 chilometri pensata per amatori e famiglie. Tantissima gente che ha sfilato per le vie della capitale in una giornata dal clima primaverile per combinare insieme il piacere della corsa e quello della solidarietà, sconfiggendo "ogni discriminazione", come recita la medaglietta consegnata a tutti i partecipanti.

Per la sezione agonistica dominio del Kenya tra gli uomini nella quattordicesima edizione della Maratona di Roma. A vincere è stato il keniano Jonathan Yego con il tempo di 2h09'58", davanti ai connazionali Kimutai Sanga (2h10'02") e Henry Kapkyai (2h10'16).

L'unico italiano in grado di classificarsi nelle prime posizioni Ottaviano Andriani è stato costretto al ritiro al ventinovesimo chilometro: "Ho avuto un problema all'adduttore - ha spiegato l'atleta azzurro - Resta l'amarezza per i sacrifici fatti, l'aver lavorato tanto e aver raccolto quasi niente".

Tra le donne ha vinto con il terzo miglior tempo dell'anno (2h22'53"), nonchè record della maratona su suolo italiano, la russa Galina Bogomolova con un netto distacco sulle sue inseguitrici. Al secondo posto si è piazzata un'altra atleta russa, Larissa Zousko (2h28'18"), mentre terza è arrivata l'ungherese Aniko Kalovics in 2h29"04. Tra le azzurre in gara si sono ritirate Ornella Ferrara e Vincenza Sicari.

Applaudito lungo tutto il percorso Richard Whitehead, 32 anni, inglese di Nottingham, amputato di entrambe le gambe, ha vinto la sua sfida: sulle sue protesi è riuscito a correre la XIV Maratona della Città di Roma in 3h39'00", ben al di sotto del suo primato personale di 3h52'58" (ottenuto a Londra lo scorso anno), ma anche del suo obiettivo della vigilia di 3h45'.

 
 

[16-03-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE