Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Il minimo sforzo

La Roma travolge il Parma senza faticare

esultanza Era la classica partita che, se vinta, non aggiungeva nulla, se persa avrebbe creato polemiche. Che non sarebbero servite, a tre giorni dalla supersfida con il Real. La Roma è riuscita a ottenere il massimo: stravincere senza faticare.

 

Spalletti sceglie un ampio turn over: centrali di difesa Ferrari e Panucci, a centrocampo Aquilani e Brighi, sulla trequarti Giuly (con Mancini mandato in campo a recuperare la condizione). La prima occasione è creata da Totti in favore di Giuly, che sfiora il palo con un tiro dal limite. Poi, una flessione, e il Parma più attivo, tanto da rendersi pericoloso con Budan, che in area da posizione defilata prova la botta respinta da Doni. Al 25’ colpo di testa in tuffo di Taddei che sfiora il palo. E’ l’occasione che scuote la Roma, che due minuti dopo trova il vantaggio: cross di Tonetto, respinta difettosa di Bucci e colpo risolutore di Aquilani. Alla mezz’ora un paio d’occasioni, con un contropiede sprecato da Brighi e un diagonale di Totti a lato non di molto. Prima del duplice fischio, tiro di Giuly dal limite che viene deviato e termina fuori.

 

Nel secondo tempo, la Roma trova subito il raddoppio: ancora un cross di Tonetto, e Falcone con un gioco di prestigio (su pressione di Panucci) manda la palla nella propria porta. Subito dopo un brivido, per un gol di mano di Castellini, ma il guardalinee vede. Di Carlo prova la carta Lucarelli, ma l’unico sprazzo è una caduta sospetta in area. Spalletti, invece, manda in campo Esposito e Vucinic per Giuly e Mancini. Al 35’, gran contropiede, colpo di tacco di Esposito e bolide di Totti dal limite che cfulmina Bucci. Prima di andare a casa a riflettere sul Real, 4-0 di Vucinic, che sfrutta un rimpallo favorevole in area e segna di classe.

 

Su questa partita davvero niente da dire. Non è stata una gara spettacolare, ma la Roma non ha perso nemmeno per un attimo il filo. Può essere un buon trampolino psicologico per la gara di mercoledì prossimo.

 

Simone Luciani

 

Roma: Doni, Cicinho, Panucci, Ferrari, Tonetto (36' s.t. Antunes), Brighi, Aquilani, Taddei, Giuly (19' s.t. Esposito), Mancini (28' s.t. Vucinic), Totti. (Julio Sergio, Juan, De Rossi, Perrotta). All. Spalletti.

Parma: Bucci, Coly (12' s.t. Pisanu), Falcone, Rossi, Zenoni, Dessena , Morrone, Cigarini, Castellini, Gasbarroni (32' s.t. Reginaldo), Budan (12' s.t. Lucarelli). (Pavarini, Paci, Mariga, Corradi). All. Di Carlo.

Arbitro: Rocchi di Firenze.

Marcatori: 27’ pt Aquilani, 6’ st Falcone (aut.), 35’ st Totti, 49’ st Vucinic.

Note: giornata serena, terreno in buone condizioni. Ammoniti Aquilani, Castellini, Rossi, Dessena. Recupero: 0' p.t., 4' s.t.

[02-03-2008]

 
Lascia il tuo commento