Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Misure anti smog inefficaci

inquinamento alle stelle

Non si ferma l’inquinamento atmosferico. Secondo un monitoraggio di Legambiente, infatti, in 17 città italiane, su un campione di 80, c’è una quantità elevata nell’atmosfera di pm10, ossia di polveri sottili che soffocano l’aria dei centri urbani. In testa alla lista c’è la città di Frosinone che ha superato con 45 giorni il tetto massimo previsto per legge, ossia 35. Seguono, poi, Modena, Lucca, Reggio Emilia, Vicenza, mentre Milano resta a quota 39 e Roma a 28.

I dati promossi da Legambiente si riferiscono ad un periodo che va dal primo gennaio al 27 febbraio e proprio dall’analisi di questi il presidente nazionale di Legambiante, Vittorio Cogliati Dezza, ha dimostrato come la situazione tenda a peggiorare piuttosto che dare segni di miglioramento. E nonostante lo stop alle auto di targhe alterne, promosso da diverse città, tra cui Roma, il livello delle polveri sottili resta elevato.

È evidente ha dichiarato il presidente di Legambiente, che questi interventi “lampo” non sanano, ma neanche tamponano, una situazione imputabile sostanzialmente al trasporto stradale. In sostanza non si può non legare il problema dell’inquinamento atmosferico alla mobilità dei veicoli. Ridimensionare, quindi, la circolazione dei mezzi privati, incentivando i trasporti pubblici, per cercare di contenere l’inquinamento atmosferico, appare l’unica azione valida a migliorare il tasso qualitativo dell’aria che respiriamo.

In Italia, infatti, il livello della motorizzazione continua a salire con una media di 62 auto ogni 100 abitanti e questo si ripercuote negativamente nell’atmosfera. Intanto a Roma, ieri, altro giovedì di stop per le targhe alterne. Nella fascia oraria tra le 15.00 e le 21.00, infatti, sono rimaste ferme le auto con targhe dispari. Il traffico urbano, secondo il rilevamento dell’Atac, è diminuito del 20,6% anche se il rapporto dell’Arpa, agenzia regionale per la protezione ambientale del Lazio, ha dimostrato come in 8 centraline capitoline, su 10 campionate, il livello delle polveri sottili ha superato il limite. Oltre allo stop a targhe alterne che continuerà nella capitale fino al 27 marzo, il prossimo 2 marzo, il traffico romano si blocca per la terza e ultima domenica ecologica, dalle ore 9.00 alle 17.00. Atac, in collaborazione con Trambus, ha messo a punto un piano straordinario che prevede il potenziamento delle corse di 80 linee del centro e della periferia per permettere così ai cittadini di potersi spostare nella città senza problemi.

[29-02-2008]

 
Lascia il tuo commento