Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Un mese fa L'incidente in Metro: Domani i Feriti Convocati in Tribunale

30 giorni fa lo scontro tra due treni della metropolitana che terrorizzò roma. Alessandra Lisi, riceratrice universitaria di 30 anni, originaria di Pontecorvo nel frusinate, rimase uccisa nel tragico impatto. Oltre 266 in totale le persone soccorse e medicate nei diversi ospedali della capitale. E domani queste stesse persone saranno presenti nell'aula occorsio del tribunale di roma per l'affidamento della perizia tecnica. Perizia che dovrà chiarire definitivamente le cause dell'incidente e che verrà seguita in prima persona dal prof giorgio diana del politecnico di Milano. Si dovrà in sostanza capire se alla base dello scontro ci sia un guasto tecnico o un errore umano. ad oggi, nel fascicolo aperto dalla procura di roma e affidato al pm elisabetta ceniccola, si ipotizzano i reati di disastro colposo, omicidio colposo e lesioni gravissime. Un solo nome è stato iscritto nel registro degli indagati. E' quello di angelo tomei, il macchinista alla guida del convoglio che ha tamponato quello che lo precedeva sotto la stazione di piazza vittorio emanuele. Dal giorno dello scontro inoltre, gli utenti hanno dovuto contare su due treni in meno e due macchinisti in meno, quelli coinvolti nell'icidente. Secondo quanto riferito dal magistrato ai legali della società metro, presto, forse domani stesso, convogli e scatole nere dovrebbero essere dissequestrate. Intanto proseguono anche le audizioni presso la commissione speciale controllo, garanzia e trasparenza del comune di Roma, alle quali partecipano tutte le sigle sindacali, codacons compresa. Fino a questo momento si è discusso di turni di lavoro dei dipendenti, di nuove assunzioni, di manutenzione degli armamenti e delle reti elettriche. Nei prossimi giorni in consiglio comunale, verranno poi riferiti gli sviluppi di tutte le commissioni di indagini aperte sul caso. Luigia Luciani

[17-11-2006]

 
Lascia il tuo commento