Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Esplosione in una casa cantoniera

un morto e tre feriti a Maccarese

Ecco cosa rimane del casale di viale di Porto a Maccarese, dove questa mattina alle 6.40 un’esplosione, dovuta con tutta probabilità ad una bombola del gas, ha sventrato l’appartamento di Patrizia Petricig e di suo marito Nicola Nicolini.

La donna, di 42 anni, è rimasta sotto le macerie, l’uomo, invece, è stato trasportato con un’eliambulanza all’ospedale San Camillo; ha diversi traumi agli arti inferiori ma non sarebbe in pericolo di vita. Al momento dello scoppio c’erano anche la figlia di 12 anni, sotto shock ma miracolosamente illesa, e gli abitanti degli appartamenti adiacenti, un medico di 50 anni, che non avuto bisogno di cure, e una coppia di anziani, ricoverati all’Aurelia Hospital senza gravi conseguenze.

Il primo a prestare soccorsi, immediatamente dopo la deflagrazione, è stato un rumeno di passaggio, che ha aiutato i due coniugi ad uscire dalle macerie.
Della casa non è rimasto nulla, tra i muri diroccati si scorge una parete azzurra e alcuni brandelli di coperte e vestiti. Alle 11 i vigili del fuoco, intervenuti con 30 uomini, hanno iniziato la demolizione.

La notizia si è presto diffusa nella piccola comunità del borghetto, un gruppo di poche centinaia di persone emigrate dal Veneto negli anni Trenta del Novecento, ed ha scosso i numerosi amici della famiglia. Per il signor Nicolini, cinquantunenne vivaista della ditta Maccarese, questo è l’ennesimo dramma familiare.

[22-02-2008]

 
Lascia il tuo commento