Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Sparò al rapinatore

si allegerisce la posizione di Caioli

l'abitazione di Caioli dove è avvenuta la rapina

E' indagato per eccesso colposo di legittima difesa e non più omicidio volontario. Diego Caioli, il 7 gennaio scorso sparò ed uccise uno dei due rapinatori che si erano introdotti nella sua abitazione in via Casal Morena.

La modifica del reato per cui è indagato Caioli è stata decisa dal magistrato dopo l’esito dell’esame autoptico e i risultati della perizia balistica della sparatoria. caioli avrebbe sparato frontalmente contro il rapinatore e non alle spalle.

Il dipendente dell’ama, 30 anni, il 7 gennaio scorso è stato assalito dai due banditi incappucciati mentre stava aprendo il cancello di casa, con una pistola puntata alla schiena è stato costretto ad aprire ai rapinatori.

Una volta entrati i malviventi hanno prima immobilizzato la moglie, poi hanno cercato di legare sulla sedia anche l'uomo. ma il 30enne, approfittando di un attimo di distrazione del bandito ha reagito, è riuscito a disarmarlo e dopo violenta colluttazione ha sparato due colpi. Franco Frerè, 59 anni, e diversi precedenti penali per rapina è stato colpito all'arteria femorale, è riuscito a fare dieci passi, ed è morto sulle scale dell'appartamento. A più di due mesi di distanza si allegerisce quindi la posizione di caioli inizialmente indagato per omicidio volontario.

[19-02-2008]

 
Lascia il tuo commento