Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Inflazione di gennaio

acqua, elettricità e combustibile alle stelle

L'inflazione a gennaio è salita al 2,9%, contro il 2,6% di dicembre. Lo rileva l'Istat nella stima preliminare, aggiungendo che i prezzi, su base mensile, sono aumentati dello 0,4%. Il tasso è il più alto da luglio 2001 (era ugualmente al 2,9%).

L'aumento mensile più significativo è stato registrato per i capitoli abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+1,5%). Pesano soprattutto gli aumenti delle tariffe energetiche che scattano proprio a gennaio. Salgono anche i prezzi di bevande alcoliche e tabacchi (+1,1%), di prodotti alimentari e bevande analcoliche e di mobili, articoli e servizi per la casa (entrambi +0,6%). Variazioni nulle per istruzione e servizi ricettivi e di ristorazione, mentre sono in calo comunicazioni (-0,7%), ricreazione, spettacoli e cultura (-0,6%) e servizi sanitari e spese per la salute (-0,1%).

Rispetto a gennaio 2007 gli aumenti più elevati sono stati per i trasporti (+5,4%), per i prodotti alimentari e le bevande analcoliche (+4,5%) e per abitazione, acqua, elettricità e combustibile (+4%). In calo invece le comunicazioni (-8,5%).

In questo quadro assume un significato particolare l'aumento a due cifre della benzina e del gasolio. Rispetto a gennaio 2007, il prezzo della verde è aumentato del 12,5% e quello del gasolio del 15,8%. Nel confronto con dicembre, invece, la benzina è rincarata dello 0,5% e il gasolio dello 0,1%.

L'indice armonizzato europeo segnala invece un calo mensile dei prezzi dello 0,8%, dovuto soprattutto ai saldi invernali, e un aumento tendenziale del 3,1%, il più alto da quando l'Ipca viene calcolato, ovvero dal 1997.

L'inflazione di fondo è stabile al 2,2%, mentre quella calcolata al netto della sola energia è salita al 2,5%, dal 2,2% di dicembre. L'inflazione acquisita per il 2008 è invece pari all'1,7%, poco al di sotto dell'intera media del 2007. Anche se parlare di inflazione acquisita è a gennaio prematuro, spiegano all'Istat, il dato è comunque significativo perché "conferma l'esistenza di pressioni forti e persistenti".

Il mese di gennaio incorpora l'aggiornamento del paniere Istat, con le nuove posizioni rappresentative, i diversi pesi dati ai capitoli di spesa
 
 

[05-02-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE