Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Volley maschile
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Volley romano » Volley maschile
 
 

M.Roma: a Milano due punti sofferti

SPARKLING VOLLEY MILANO – M.ROMA VOLLEY 2-3
(25-19; 23-25; 25-15; 28-30; 11-15)
Sparkling Volley Milano: Travica 1, Gardner 22, Samica 17, Martino 20, Millar 15, Kadziewicz , Vicini (L), Bendandi ne, Giombini, Rosalba, Spairani 1, Nikic, Cortina. All. Ricci.
M.Roma Volley: Coscione 1, Miljkovic 13, Marshall 14, Savani 8, Mastrangelo 6, Semenzato 3, Henno (L), Hernandez 12, Molteni 10, Tofoli 14, Kooistra 9, Romero ne. All. Serniotti.
Arbitri: Giani e Zecchini.
Durata set: 25’, 26’, 24’, 30’, 15’.
Spettatori: 1.950
Incasso: 2.950 euro
Mvp: Matteo Martino

Nel derby delle metropoli la M.Roma Volley sbanca il PalaLido vincendo 2-3 contro la Sparkling Milano, mantenendo così il suo primo posto in classifica. Un punto agrodolce per la formazione nero-argento, dopo essere stata per tre volte vicinissima alla vittoria del match nel quarto set. Invece ancora una volta hanno avuto ragione la maturità, l’esperienza e la determinazione dei grandi campioni, seppure un po’ ‘vecchietti’ della M.Roma, che nei momenti decisivi risultano sempre fondamentali. Rimane comunque buona la prestazione dei milanesi, in particolare di Martino, MVP dell’incontro con 20 punti e il 55% in attacco.

Per la formazione di casa Ricci schiera Travica, Gardner, Samica, Martino, Kadziewicz, Millar e Vicini libero. Classica formazione per Roberto Serniotti: Coscione, Miljkovic, Kooistra, Mastrangelo, Savani, Marshall con Henno libero. Subito avanti Milano nel primo set, sopra di 2 lunghezze al secondo time-out tecnico; sale poi in cattedra Martino che realizza i punti del 19-15 (mani out, con Serniotti che chiama il secondo time-out) e del 21-16 con un diagonale imprendibile dalla difesa avversaria. E’ poi Samica a chiudere i conti sul 25-19 con un pallonetto in posto 4.
Nella seconda frazione di gioco la Sparkling prova subito una fuga, andando al primo tempo tecnico avanti di 3 lunghezze, ma Roma riaggancia subito la parità (10-10). La partita prosegue con scarti minimi (+1 Milano secondo tempo tecnico di sospensione), con Ricci costretto a chiamare il primo time-out sul 18-19 dopo un ace di Mastrangelo su Vicini. Sul 20-20 un errore al servizio di Samica e una doppia di Travica portano Ricci a spendere il secondo time-out, ma i consigli non sortiscono l’effetto sperato. Miljkovic mette giù la palla del 20-23, Kadziewicz prova ad interrompere il ciclo positivo (21-23), ma è ancora l’opposto serbo dei nero-verdi a mettere a terra la palla del 21-24. Milano annulla due set point (Samica e muro di Martino) con Serniotti che chiama time-out (23-24). A chiudere i conti ci pensa ancora una volta Miljkovic dopo un recupero di Cortina entrato al posto di Vicini, fuori per un infortunio al polpaccio.
Nel terzo set Milano parte con Cortina al posto di Vicini e gioca forte come non mai: prima è Gardner a firmare il 6-2, poi un Martino inarrestabile segna tre punti di fila che portano i nero-argento sul 10-4. Sul 13-6 Miljkovic cade male da muro e Serniotti è costretto a sostituirlo con Hernandez. Al secondo t.o.t. con Milano ancora avanti di 9 lunghezze, il tecnico romano deve correre ai ripari: in campo Tofoli in luogo di Coscione e Molteni su Savani. Samica è compagni soffrono un calo con i nero-verdi che tornano a -7 (19-12) obbligando Ricci a chiamare il primo time-out. Roma arriva a -5 (19-14), ma Gardner, Millar, Martino (6 punti nel solo terzo set) e ancora Gardner con due ace di fila fermano il tentativo di rientro dei romani (24-14) con un devastante parziale di 5-0. Il set si chiude con errore al servizio di Molteni.
Roma riparte nel quarto set con Tofoli, Hernandez, Molteni, Marshall, Mastrangelo e Kooistra. Al secondo time-out tecnico la Sparkling è ancora avanti di 2 lunghezze ma Roma riesce a rientrare fino a -1 (20-19). Si prosegue palla su palla con Milano sempre avanti di 2 (21-19, 24-22), ma quando ormai i giochi sembravano chiusi arriva il riscatto della M.Roma. Hernandez pareggia i conti 24-24 con un ace ma è ancora una volta Milano a conquistare il suo terzo match ball con Gardner (25-24). Si prosegue con una serie interminabile di break e controbreak ad altissima tensione fino al 28-28. Alla fine è Kooistra a segnare il 28-29 e poi è un errore di Gardner a chiudere il quarto set con il punteggio di 28-30. 
Milano inizia malissimo il tie-break finendo subito sotto per 3-0 ma riesce prontamente a rimettersi in sesto fino al 4-5 con Kadziewicz. Sul 5-6 entra Rosalba per Samica, ma al cambio campo Roma è sempre avanti di 3 punti. La Sparkling crolla, sul 5-10 Ricci chiama ancora time-out e inserisce Spairani che mette giù la palla successiva, ma Roma non molla e si porta sul 7-13. Martino va al servizio e porta i nero-argento sul 10-13, costringendo Serniotti a chiamare time-out. E’ poi lo stesso schiacciatore milanese a sbagliare il servizio che vale il 10-14, trasformato subito in 15 da Molteni.

Dispiaciuto al termine dell’incontro il martello Matteo Martino: “Nella pallavolo non c’è mai niente di sicuro e si è visto. Questa è la nostra terza sconfitta consecutiva. Peccato, perché ci credevamo molto, eravamo fiduciosi di fare bene, ma con una squadra del genere non bisogna mai abbassare la guardia e si è visto che se non stai concentrato fino alla fine non ottieni niente di buono. Siamo contenti di aver fatto un punto contro Roma, da lunedì torneremo in palestra e penseremo a Macerata, una partita importantissima per noi”.
Tira invece un sospiro di sollievo il mister Roberto Serniotti: “La gara è iniziata con enormi difficoltà, siamo stati poco aggressivi, a muro soprattutto, e loro passavano da tutte le parti. Per fortuna siamo riusciti a fare meglio dal secondo set e abbiamo giocato con equilibrio. Nei momenti decisivi del quarto set, quando eravamo in difficoltà, siamo riusciti a portarlo via. Milano ha fatto un’ ottima gara, fa piacere vedere ragazzi giovani crescere così. Oggi io devo ringraziare invece i miei vecchietti, che ogni volta che li chiamo all’opera dimostrano di essere ancora ottimi giocatori. Sono contento così”.

Giulia Sampognaro

[04-02-2008]

 
Lascia il tuo commento