Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cultura Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma
 
 

Terre, Genti e Miti. Festival di Cortometraggi del Lazio

La battaglia di Mentana del 1867, la lavorazione dello strame come tradizione da conservare e le lettere di Goethe nel periodo di soggiorno ai castelli romani.

10 cortometraggi ispirati ai territori, ai paesaggi, alla storia e alle leggende del lazio. E' la rassegna Terre, Genti e miti organizzata dal Corecom e dalla regione Lazio per promuovere il territori. Ieri al cinema Alfellini di Grottaferrata la serata finale con la premiazione del miglior film, il riconoscimento è andato a pasquale casale con il documentario "con lo strame e con le mani", il premio della critica come miglior visione antropologica s'è l'è aggiudicato Marcello Spoletini con "un mondo immaginario" prodotto dalla "No Nein" e con la voce di Goethe che racconta i castelli sulle immagini di acquerelli e stampe antiche

Il voto del miglior film per il pubblico è andato a "settembre" di Giulio Leonardi, la storia di un bimbo che ha perso il padre durante la seconda guerra mondiale. Miglior ambientazione paesaggistica per il documentario della riserva naturale di monte casoli di bomarzio. La prima volta della rassegna cinematografica del corecom è stata un successo di pubblico, peccato che non sia stato considerato il lavoro di Mary Cavaliere con "cronache selciane" e abbia vinto un lavoro realizzato negli anni 80 - forse fine anni 70-con un linguaggio ormai superato e una qualità video inferiore al VHS. Dato un pò triste per un concorso di cortometraggi del 2006.

[30-11-2006]

 
Lascia il tuo commento