Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Futuro sindaco di Roma

bagarre di nomi

il Campidoglio

Quando si dimetterà Veltroni e chi si candiderà per prendere il suo posto? Da quando il governo Prodi è caduto a Roma la domanda è sempre più incalzante, non solo in Campidoglio, dove i consiglieri rischiano di andare a casa anzitempo, ma in tutta la città.

Il "totonomi" impazza e ogni giorno si aggiungono nuovi pretendenti, almeno secondo la stampa. E’ di pochi giorni fa la candidatura per il centro destra di Bruno Vespa che ha destato scalpore, anticipata da Repubblica ma subito smentita dal conduttore televisivo. Ma le smentite sono d’obbligo anche per chi più di un pensiero ce lo ha già fatto, spinto anche dalle logiche di partito. E’ il caso di Goffreedo Bettini, che ufficilamente dice per carià ma tutti considerano uno dei papabili fino all’ultimo. Restando al centreosinistra da ieri si parla di un ritrono di Francesco Rutelli, nome di peso da mettere in campo però nell’eventualità di una candidatura altrettanto forte nello schieramento opoposto, come quella ipotizzata da tempo di gianftranco fini, mai confermata ma neanche mai smentita, come comferma oggi dalle pagine del giornale gianni alemanno, il deputato che perse alle ultime elezioni con veltroni, ma che resta a sua volta un altro possibile candidato. Ma se il posto in corsa spettasse ad un esponente di forza italia, anziche’ di an? Ecco allora l’eurocommissario Franco Frattini, che come il buon Bettini risponde per carità. E se invece la spuntasse l’Udc ecco pronto Mario Baccini, che pero’ potrebbe pagare con gli alleati il rifiutio di gettarsi a capofuitto sulle elezioni anticipate. Chi si è candidato davvero è Vittorio Sgarbi , in nome della difesa dei tesori di Roma. Ma a spingerlo non ci sono i grandi partiti, bensi’ il fronte della liberta’, sconosciuto movimento che correrebbe con la Cdl.

Tornando al centrosinistra, altro nome di punta che smentisce ogni itneressamento, quello del presidente della provincia Enrico Gasbarra, che resta in piedi insieme a Paolo Gentiloni. E mentre i radicali lanciano Emma Bonino, da oggi rifodnazione comunista chiede un posto al sole. Primarie entro giugno con la possbilita’ che il Pd, che a Roma non fara’ ameno dei suoi alleati, lasci la precedenza ad altri.

 
 

[30-01-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE