Giornale di informazione di Roma - Domenica 11 dicembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Disastro aereo a Los Roques

amici e familiari: ''andiamo avanti con le ricerche''

Le famiglie e gli amici dei turisti italiani coinvolti nell’incidente aereo in Venezuela non si danno pace. Vogliono che le ricerche vadano avanti e che si faccia luce su quanto è accaduto. Per questo sono scesi in piazza a Montecitorio, con tanto di palloncini che incitano a continuare le ricerche.

Sono ormai trascorse più di due settimane e ancora non si sa nulla, nessuna certezza su quanto accaduto lo scorso 9 gennaio, quando alle 9.38 si sono perse le tracce dei passeggeri a bordo dell’aereo Let-410 della Transaven, impegnato nel sorvolo dell'arcipelago caraibico di Los Roques.

Le persone coinvolte sono in tutto quattordici: 8 italiani, cinque venezuelani e uno svizzero. Tra i turisti italiani c’è anche la coppia di sposini romani Fabiola Napoli e Stefano Fragione.

Finora sono tante le supposizioni presentate come possibili. Tra queste, la prima ad essere sostenuta è stata quella di un presunto ammaraggio dopo la comunicazione di guasto ad entrambi i motori fatta dal pilota. Ma i dubbi non mancano, il 12 gennaio scorso alcuni pescatori rinvengono il corpo senza vita del copilota ma l’uomo non aveva acqua nei polmoni, strano visto il tempo passato in mare.

Secondo alcune testimonianze appare strano il fatto che, 24 ore dopo la sciagura, il telefono cellulare di una delle passeggere italiane potesse squillare libero così come quello del piolta. Insomma sono ancora tanti i punti sui quali fare luce. Intanto gli amici della coppia di sposi di roma hanno aperto un sito (www.stefanoefabiola.org) e continuano a sostenere l’ipotesi del dirottamento, così come avvenne 10 anni fa, sempre nella zona di los roques si credette ad un disastro aereo qunado invece si trattava di un dirottamento per il trasporto di droga.

 
 

[25-01-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE