Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

Degrado al Regina Elena

cartelle abbandonate e corsie distrutte

Terzo piano del padiglione A dell'ex oncologico Regina Elena. Referti medici abbandonati, sale semi distrutte, rottami di computer, fiale vecchie di sedici anni. Per arrivare in questo archivio (un tempo) riservato, basta entrare nel portone spalancato che si trova davanti al piccolo bar "Regina Elena", punto di ristoro per i senza tetto che occupano il B e gli altri padiglioni, come pure per docenti e studenti della Scuola archivisti e bibliotecari che da un anno è ospitata nella parte restaurata del padiglione C.

Salendo le scale fatiscenti del vecchio ospedale della Sapienza, chiunque può sapere chi fosse la signora che s'è sottoposta a una radiografia al seno per scoprire se era stata colpita da un carcinoma. Basta spostarsi dal lato opposto del reparto analisi cliniche diretto dal professor Giuseppe M. Gandolfo fino a sette anni fa, anno di chiusura e dell'abbandono della struttura universitaria che s'affaccia su via Regina Elena. E mettere mano alle decine di radiografie buttate sul pavimento, tra computer sfasciati, intonse cartucce per stampanti, piccioni morti e floppy disk obsoleti quanto probabilmente carichi di informazioni riservate.

Si tratta di centinaia di dati sensibili che la legge sulla privacy stabilisce siano protetti e inaccessibili. E che invece chiunque entri può consultare percorrendo il girone infernale del primo padiglione del vecchio Regina Elena. Nel reparto di chirurgia, sul muro, è rimasta la targa apposta il 3 dicembre 1995 per ricordare Federico Calabresi e il suo "indimenticabile impegno umano e professionale nella cura dei pazienti".

Tutto dimenticato lì. Anche la cartellina azzurra, piena di lettere e documenti privati del professor Gerardo D'Agostino, lasciata a terra tra pitali e padelle. In mezzo a letti arrugginiti, tetti divelti, medicine scadute, materassi fradici, lavandini e water sfasciati, cavi elettrici penzolanti. E un quadro elettrico con una spia ancora accesa.

Ma per toccare con mano la pericolosità che avvolge questo edificio, non serve salire per le scale che portano al reparto chirurgia del professor Conti (qui anche una poltrona bruciata in una stanza allagata). Basta entrare oltre le colonne del civico 291 di viale Regina. Siamo a piano terra. C'è un lungo corridoio. Con ai lati stanze abbandonate, visitate da ladri e vandali.

IL VIDEO

fonte: la Repubblica

 
 

[20-01-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE