Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

Eurolega 2007-2008: disfatta e contestazione per la Virtus

La Virtus perde malamente al Palalottomatica contro i turchi dell’Ulker Istanbul, scatenando una contestazione da parte dei tifosi. Sulla partita c’è ben poco da dire: Roma ha retto un tempo provandole tutte per rimanere in gara, per poi crollare nel secondo sotto i colpi di Turkcan, Omer e Preldzic. La squadra è visibilmente stanca, e figlie di questa stanchezza sono le cifre dal campo di ieri sera: 15/40 da due, 7/29 da tre punti. In Eurolega come in campionato, non ci si può proprio permettere il 38% da due e il 24% da tre, ma d’altronde non si può rimproverare una squadra che i suoi buoni tiri li ha presi, semplicemente li ha mandati tutti corti sul primo ferro, a testimonianza di una condizione fisica precaria; la Virtus è costretta a giocare dall’inizio dell’anno con rotazione accorciate, che ora sono ridotte all’osso, ed è chiaro che adesso si cominciano a pagare i dividendi di una squadra incompleta e con lacune strutturali, che ( al contrario di quanto dichiarato) doveva essere completa a fine agosto, e che, invece, a gennaio è ancora lontana dall’avere un roster solido. È totalmente impensabile affrontare per mezza stagione tre partite a settimana con 7/8 giocatori a roster, e uscirne indenni. Servono rinforzi, servono alla svelta e servono di qualità. Si, perché Siena al momento è irraggiungibile sotto tutti i punti di vista, ma quantomeno bisogna chiudere al secondo posto la regular season per sperare poi in un miracolo nei playoff. A quanto pare, il presidente Toti, ai microfoni di Sky, ha assicurato un ritorno sul mercato, dopo aver lasciato il Palalottomatica durante una contestazione a suo carico ben prima della sirena finale. Insomma c’è aria di tempesta a Roma, che anche nel 2008 sembra proprio non riuscire a trovar pace.

 

Marco De Leo

[04-01-2008]

 
Lascia il tuo commento