Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Bilancio di morti bianche

in nove mesi 23 decessi

E’ stato un dicembre tra i più funesti degli ultimi anni. Solo la scorsa settimana sono stati due gli operai a morire in seguito a incidenti sul posto di lavoro. Altri due, seri infortuni. Uno di questi ha subito addirittura una grave mutilazione.  Eppure ieri l’Inail ha presentato, in occasione della presentazione del bilancio sociale 2005 – 2006, i dati riguardanti il numero di infortuni mortali sul posto di lavoro.

Il bilancio è assolutamente positivo. Nei primi nove mesi del 2007 nella Regione Lazio ci sono stati 23 decessi in meno, una diminuzione del 2,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Tra i mesi di gennaio e quello di settembre ci sono stati 965 casi di infortuni fatali nei luoghi di lavoro, rispetto ai . Bene anche per quanto riguarda il numero di infortuni che non hanno avuto conseguenze fortunatamente tragiche: nei primi nove mesi del 2007 i dati parlano di una diminuzione dell’ 1,5 %, passando dai 700.490 dell’anno precedente ai 689.926 di quest’anno. Cifre in controtendenza rispetto a quelle presentate dall’Eurispes in un’indagine sugli infortuni sul lavoro, che riguardava però il territorio nazionale. Nel maggio 2007 la situazione appariva particolarmente critica e metteva in risalto l’inefficacia dei provvedimenti legislativi a tutela dei lavoratori. Ogni anno in Italia muoiono in media 1.376 persone. Poco meno del 70% dei lavoratori (circa 850) perdono la vita per cadute dall’alto di impalcature nell’edilizia o in un incidente stradale nel trasporto merci per le eccessive ore trascorse alla guida.

Le norme ci sono, a questione fondamentale è farle rispettare e sanzionare eventuali manchevolezze. il presidente dell’Acer , Cremonesi, ha proposto l’istituzione di un bollino blu. Una sorta di certificato di qualità che attesti il rispetto delle imprese della legge e non solo nei cantieri delle grandi opere, ma anche in quelli delle piccole ristrutturazioni.   

 
TAG: lavoro
 

[18-12-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE