Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Marcia per la Casa. Protesta di Fronte alla Regione Lazio

Dal quartiere di Tor Marancia dove si sono accampati da una settimana hanno marciato fino sotto alla sede della Regione Lazio. Impossibile pagare un affitto figuriamoci un mutuo. Sono in centinaia, con tanto di passeggino e bimbi a seguito, hanno manifestato per il caro affitti e l'emergenza casa. Arrivano dal Marocco, dall'Ecuador ma ci sono anche tanti italiani, romani che sono stati sfrattati e adesso hanno allestito una tendopoli a Tor Marancia. Dormono in tenda, al freddo e rimarranno accampati finché non gli sarà concessa delle istituzioni almeno una delle palazzine della regione di Via Casal de Merode. Si tratta di patrimonio delle ex Ipab, palazzine ristrutturate con i soldi del Giubileo e lasciate vuote da anni. Mercoledì era in programma un incontro tra sfrattati e Regione Lazio, ma i senza tetto non sono stati ascoltati:

"Mercoledì scorso l'incontro con la regione è saltato, a fronte dell'emergenza abitativa che c'è a Roma - continua una rappresentante del Comitato per la Casa - lasciare vuoti degli edifici ristrutturati con i soldi del Giubileo è un offesa per tutti i senza tetto"

"La gente sta a dormire per strada, a Roma comprare casa e accendere un mutuo è diventato impossibile, per non parlare degli affitti. E' uno scandalo che ci siano case di enti pubblici inutilizzate. La Regione ci deve dare una risposta."

In piazza non c'erano solo gli sfrattati di Tor Marancia, a manifestare in via Cristoforo Colombo sono scesi in strada anche gli immigrati del residence Bravetta che saranno presto sfollati, così come le associazioni che si battono pre il diritto alla casa e che hanno messi in piedi, in segno della protesta, una tendopoli a due passi da Piazza Venezia.

Romano
 
 

[19-11-2005]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE