Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Tassisti evadono il fisco

licenze vendute in nero

Evasione fiscale record per i tassisti romani, ben 800 licenze sono state vendute in nero tra il 2001 e il 2004 senza che sia stato versato neanche un euro di tasse.

L’agenzia delle entrate ha scoperto un’evasione di 19 milioni di euro, l’indagine, partita nel 2006 è ancora in corso e fin’ora ha permesso una riscossione di 4 milioni e 700 mila euro. 300 cittadini hanno infatti di ammettere l’evasione e hanno così accettato di pagare una sanzione che varia da 30 ai 40 mila euro ciascuno.

Gli altri invece non hanno trovato un accordo con il fisco e non si sono presentati alla chiamata dell’agenzia delle entrate. Ora dovranno pagare una multa raddoppiata e la sanzione sarà molto più salata perchè l’evasione sarà calcolata sull’intero importo della vendita della licenza.

Le indagini sono partite dalla richiesta del comune di roma dell’elenco dei soggetti che hanno trasferito le licenze taxi tra il 2001 e 2004. I dati del Campidoglio sono stati cosi’ incrociati con quelli dell’anagrafe per verificare se nelle dichiarazioni dei tassisti che avevano ceduto la propria licenza risultasse la plusvalenze realizzata tra il prezzo di acquisto e quello di vendita.
Dagli interrogatori è emerso che nessuno dei tassisti aveva dichiarato la vendita della licenza.

 
TAG: taxi
 

[15-12-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE