Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

Eurolega: colpo della Virtus

Lottomatica Roma - Panathinaikos 85-67

Straordinaria impresa della Virtus Roma che sconfigge i campioni d’Europa in carica del Panathinaikos con una prestazione praticamente perfetta, dimostrando una volta di più, che le potenzialità ci sono e sono di prim’ordine. Un sontuoso Ray (18 punti, 4/8 da tre) ha guidato in campo la squadra trascinandola nel primo quarto, e “limitandosi” a segnare canestri chirurgici dopo la fuga romana del terzo periodo, mostrando, a tratti, lampi di onnipotenza cestistica (di fronte c’erano sempre Diamantidis, Spanoulis, Jasikevicius). Ottime prestazioni per Fucka (11 punti + 8 rimbalzi), Lorbek (10 punti + 5 rimbalzi + 5 recuperi + 3 assist) e per il rientrante Ukic (13 punti + 4 assist). Da sottolineare anche la solida prova di Jacopo Giachetti (8 punti), autore di un paio di triple davvero importanti, in una serata in cui il gruppo è riuscito ad esaltarsi come mai prima d’ora.

Nel primo quarto il Pana prova subito a scappare. Pronti via e Roma è sotto 5-0; fortunatamente Ray prende immediatamente in mano la situazione e, grazie ad un Stefansson molto ispirato nel primo quarto, la squadra capitolina riesce a tener botta, e a chiudere la prima frazione di gioco sotto di soli 3 punti (20-23). Il secondo quarto continua sulla falsa riga del primo; il Pana sembra possa piazzare il parziale giusto da un momento all’altro, mentre Roma con le unghie si tiene a stretto contatto. Ma più passano i minuti, più la squadra di Ripesa prende fiducia, riuscendo in qualche occasione a mettere anche il naso avanti. Tuttavia il Panathinaikos è sempre il Panathinaikos, e il massimo che i capitolini riescono a fare è chiudere il primo quarto in parità a quota 48, giocando un ottimo secondo quarto da 28 punti fatti (ma 25 subiti).

È nella terza frazione che arriva l’inattesa svolta. Dopo un paio di minuti in cui ad un canestro fatto corrisponde un canestro subito, Roma piazza un break che in tanti ricorderanno per tanto tempo. Partendo da una serie di difese surreali, Roma riesce a giocare 5’ minuti di basket stellare; a difesa schierata arrivano 6 punti consecutivi di Fucka, poi il contropiede guidato da Hawkins, la tripla di Giachetti in faccia a Tsartsaris, insomma, il Pana viene travolto e ferito da una Virtus che gioca la partita che non t’aspetti e che troppo presto è stata data per spacciata in campionato e in coppa. Roma vola a +15, anche se immediatamente una tripla di Jasikevicius ricorda ai romani che, con il Pana, 15 punti possono comunque essere un vantaggio non confortevole. Il parziale del terzo quarto è un clamoroso 20-9 per Roma, che si ritrova addosso la responsabilità di conservare un vantaggio in doppia cifra.

Si riparte dal 68-57. Negli ultimi 10’ il Pana ci prova in tutti i modi, anche con Obradovic che tenta di lavorarsi gli arbitri protestando ininterrottamente persuasi tutto il periodo. Roma però non trema, e anzi, prova ad allungare con la tripla di Ray (75-57), che fa esplodere il Palalottomatica. Ma la Lottomatica, la cosa più importante la fa mentalmente, quando si fa trovare pronta e reattiva nel momento peggiore, a metà quarto, quando il Pana trova due triple in fila con Diamantidis e Spanoulis. La Virtus, riesce con coraggio lì dove aveva fallito tutta Europa, rimanendo lucida, tranquilla, concentrata nel momento di maggiore pressione. Riesce così a respingere l’assalto biancoverde, e a mantenere un cospicuo margine di sicurezza. I neanche 4000 spettatori del Palalottomatica sono in delirio. Il Pana continua a lottare fino alla fine, ma quando a un minuto e mezzo dalla sirena finale è ancora sotto di 15 punti capisce che è arrivata la prima sconfitta stagionale ( mai battuto prima tra campionato greco ed Eurolega), e allora a Roma si comincia a festeggiare. Ciliegina sulla torta: la tripla di Ukic sulla sirena. Finisce 85-67 per la Virtus, che al termine di una serata indimenticabile, si scopre ancora in corsa per un posto alle Top 16.

Marco De Leo

[14-12-2007]

 
Lascia il tuo commento