Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Botti illegali al Prenestino

sequestrate 6 tonnellate di razzi e petardi

Sarebbe bastata una scintilla per scatenare una tragedia, un’esplosione inaudita in grado di far crollare un’intera palazzina.

Siamo a Ponte di Nona, sulla Prenestina. Il piano terra di questo stabile era stipato di fuochi artificiali illegali, stoccati senza la minima misura di sicurezza: una vera e propria polveriera sopra la quale gli abitanti dei piani superiori vivevano ignare.

E’ stata la Guardia di Finanza a scoprire il deposito abusivo di quelli che vengono comunemente chiamati ‘botti’, riuscendo ad intercettare il complesso meccanismo che un’organizzazione criminale cinese aveva rodato nel corso degli ultimi mesi.

Un negozio, apparentemente regolare all’Esquilino, era il punto di raccolta degli ordini: le fiamme gialle hanno osservato a lungo l’esercizio, notando un via vai di persone che, stranamente, ne usciva senza aver acquistato nulla. Tuttavia si recavano, poi, tutti nella stessa direzione, verso la periferia est della Capitale ove la merce poteva essere visionata. Il blitz è scattato all’alba in più zone: nelle case degli indagati, nel negozio e nel magazzino dove sono state rinvenute e sequestrate oltre 6 tonnellate di razzi, petardi, mortai e bombe di Maradona, tutto rigorosamente fuori legge, di produzione cinese ed importate clandestinamente in Italia.

 
TAG: botti
 

[05-12-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE