Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

SanitÓ laziale e commissariamento

il governo chiede chiarimenti

La sanità regionale non può ancora tirare un sospiro di sollievo. Il governo chiede altri documenti per dire una parola definitiva sul commissariamento. L’incontro tra le parti c’è stato a via XX Settembre. C’erano i tecnici dei ministeri del Tesoro e Sanità e i rappresentanti della Regione per illustrare il piano di rientro del deficit sanitario. Il confronto di ieri però non è bastato, serve un’altra riunione e nuovi documenti che spieghino con chiarezza come la Regione ha trovato i fondi per coprire l’extradeficit degli ultimi due bilanci pari a 510 milioni di euro.

In 48 ore la Regione dovrà preparare una relazione a cui allegare la manovra finanziaria approvata ieri e presentarla ai ministeri competenti. Tranquillo l’assessore al Bilancio Luigi Nieri che ha riferito sull’incontro: “Stiamo definendo la proposta finale e come al solito bisogna mettere in sintonia le proposte di tutti”.

Qualche preoccupazione in vista invece i policlinici universitari romani. Il Gemelli esprime apprensione dopo che l’assessore alla Sanità Battaglia ha chiesto di conoscere i debiti che la Regione dovrà risanare. Ad agitare il Policlinico Umberto I è invece la decisione della Corte Costituzionale, che ha chiesto il rispetto dei decreti ingiuntivi presentati dai fornitori della omonima soppressa azienda universitaria.

[04-12-2007]

 
Lascia il tuo commento