Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Taxi: giornata di tregua

Veltroni: ''non cedo''

Dopo i due giorni di protesta che hanno paralizzato il traffico cittadino i tassisti oggi sono tornati a lavorare ma le posizioni del Campidoglio rimangono le stesse e tra le parti ancora non si è raggiunto un accordo.

Quella di ieri è stata una giornata contrassegnata da presidi, convocazioni, riunioni, appelli, segnali attesi e annunciati, ma il braccio di ferro tra il comune di Roma e i tassisti continua. Veltroni ha ricevuto i rappresentati delle auto bianche solo alle 21:30 solo dopo la ripresa del servizio negli aeroporti di Fiumicino e Ciampino.

E mentre in centro la città era paralizzata la commissione di garanzia sugli scioperi chiedeva al prefetto di Roma Carlo Mosca di precettare i tassisti visto ''il grave pregiudizio al diritto alla mobilia dei cittadini''. In contemporanea in stazioni e aeroporti scene di esasperazione con un traffico reso pesante anche dalla forte pioggia. E per i disagi causati ai romani dalla protesta non autorizzata la procura di roma ha aperto un fascicolo per il reato di ''interruzione di pubblico servizio''.

A proposito della sua fermezza, Veltroni ha precisato: "Non si poteva dare il segnale che bloccando una città si ottengono dei risultati". Quella avanzata dal sindaco nella riunione che si è svolta in serata in Campidoglio "Non è una posizione accettabile: sentiremo ora la categoria che cosa vuole fare, parleremo con i colleghi, li inviteremo comunque a riprendere il servizio, ma convocheremo un’assemblea per formalizzare una controproposta e presentarla a Veltroni entro la fine della prossima settimana".

Lunedi’ tassisti e campidoglio torneranno a trattare: sul tavolo di discussione l’aumento delle licenze e l’adeguamento delle tariffe, per oggi giornata di tregua: i romani possono nuovamente contare sui taxi.

 
TAG: taxi
 

[30-11-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE