Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Prostituzione al Verano

sospesi dieci dipendenti dell'Ama

Da ieri l’Ama, dopo un'indagine della commissione d’inchiesta interna, ha sopseso in via cautelare dieci dipendenti mentre la trambus promette tolleranza zero verso gli autisti coinvolti.

Sono i primi effetti dell’orribile vicenda messa in luce nei giorni scorsi dal Messaggero. Una donna con problemi pischici trovava riparo all’interno del cimitero monumentale ed offriva prestazioni sessuali a dipendenti trambus e operatori ama coinvolti in diversi gradi nello squallido intreccio.

Spetterà alla magistratura stabilire le responsabilità ed infliggere le pene agli eventuali colpevoli. Probabile, tra le altre, l’imputazione di circonvenzione d’incapace. Intanto oggi però l’amministrazione comunale ha reagito. L’assessore alle politiche sociali Raffaela Milano ha spiegato che il Campidoglio si costituirà parte civile nel processo e che le sopspensioni annunciate da Giovanni Hermanin, presidente dell’Ama sono l’anticamera di un probabile licenziamento.

Nessun dato sui colpevoli, ma la trambus sottolinea la rettitudine di un’intera categoria, composta da più di 8.000 autisti, che non vuole macchiarsi per le colpe di pochi, che tra l’altro, sarà difficile individuare tra gli 8oo autisti che viaggiano a roma ogni notte.

Raffaele Ranucci, amministratore delegato dell’azienda di trasporti, ha annunciato l’installazione di telecamere nei capolinea più perifreici. E mentre l’Udc ed alleanza nazionale chiedono le dimissioni dei vertici delle due aziende coinvolte, la Milano promette telecamere anche al Verano per sorvegliare un’area sacra dove trovano riparo molti diperati. Tra questi anche la donna, conosciuta da tempo e pian piano coinvolta suo malgrado, senza che nessuno si accorgesse di nulla, in un’orribile giro di sesso

[28-11-2007]

 
Lascia il tuo commento