Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

La Leggenda di Beowulf

di Robert Zemeckis. Con Angelina Jolie, Anthony Hopkins, John Malkovich

di Svevo Moltrasio

L’eroico Beowulf naviga i mari per arrivare a salvare una comunità da un temibile mostro. Dopo aver sconfitto il nemico sarà coronato Re. In vecchiaia dovrà vedersela con una nuova creatura e con sue precedenti e nascoste responsabilità.

A distanza di tre anni dal precedente POLAR EXPRESS, Robert Zemeckis continua la personale ricerca sul linguaggio digitale perfezionando il lavoro d’interazione tra attori in carne ed ossa e sfondi e movimenti virtuali. Partendo da un antichissimo poema inglese, il regista si fa aiutare da stelle hollywoodiane, come Angelina Jolie o Anthony Hopkins, disposte a recitare in tutine sensoriali per prestare voce ed espressioni a personaggi digitali.

Impossibile nel giudizio sull’opera non considerare l’elemento visivo e tecnologico, dove paradossalmente lo stupore maggiore è generato dai rari momenti in cui i volti dei protagonisti sembrano realmente prendere vita e sostanza umana. Solo a tratti, in questa storia di sangue e ambizioni, sembra di avere in scena Hopkins, e nella meraviglia di questa illusione ci si ritrova in breve tempo a seguire uno spettacolo di pupazzoni a metà strada tra il cartone animato e il videogioco, con articolazioni impacciate ed espressioni plastificate. In questo universo digitale, tra l’altro molto limitato, la storia si svolge in soli tre ambienti, Zemeckis può permettersi movimenti di macchina impensabili in altri casi, ma con i risultati odierni resta ancora poco chiara la strada da seguire per il futuro.

Anche la fantasia visiva non sempre entusiasma, e se il primo mostro dal timpano molto sensibile lascia a bocca aperta, la stessa cosa non si può dire per il banale drago finale. Per fortuna, nonostante un inizio virile che riecheggia con preoccupazione le gesta di 300, la storia è ricca di spunti classici come l’ambizione e il senso di colpa, con imbrogli narrativi a più livelli che si lasciano seguire.

 

 


Secondo te quanti euro merita??
 

[25-11-2007]

 
Lascia il tuo commento