Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Elizabeth The Golden Age

di Shekhar Kapur. Con Cate Blanchett, Clive Owen, Geoffrey Rush

di Narda Liotine

La guerra santa promossa da Filippo II di Spagna minaccia l’Inghilterra protestante e il seggio reale di Elisabetta I, la regina guerriera. Nonostante gli sforzi, la soverchiante potenza marittima spagnola rappresentata dall’Armada sembra destinare il regno d’Inghilterra alla sconfitta e all’oppressione cultuale, ma la collaborazione di un avventuriero di ritorno dal Nuovo Mondo si rivelerà preziosa.

Dopo aver interpretato mirabilmente, con una lieve androginia, il Bob Dylan imberbe di IO NON SONO QUI , Cate Blanchett continua a collezionare interpretazioni memorabili. Nel 1998 giungeva pressoché ignota ad interpretare, sotto la direzione dall’ex attore pakistano Shekar Kapur, ELIZABETH, il film che ripercorreva i difficili anni dell’ascesa al trono di Elisabetta, la figlia illegittima di Enrico VIII ed Anna Bolena. Sfruttando la portata storica ed aneddotica dell’evento il regista vi ritorna per trattarne il seguito, la cosiddetta Golden Age.

Qualora si fosse disposti a perdonare le numerose forzature e le imprecisioni storiche disseminate in questo sequel, ma è noto di come l’entertainment richieda costantemente la testa della Verità, si potrebbe rimandare alla mente quanto di buono vi sia nell’operazione. Sfrondando la sceneggiatura e riportandola alle dimensioni della realtà storica se ne caverebbe un bollettino privo d’interesse, inservibile ai presunti fini artistici, d’altra parte il centone messo insieme dagli sceneggiatori William Nicholson e Michael Hirst si propone di tracciare a forti tinte un tormentato triangolo amoroso, con scampoli di storia. E’ questo che permette ad una regina di mezza età di irrompere in isterie amorose adolescenziali. Tutto si esaurisce in un tripudio di banalità regalmente sillabate, in frenetici mutamenti di look che rompono il rigore posticcio della nuda architettura e in una sovrabbondante colonna sonora a sopperire alle povertà di sceneggiatura dell’ennesima burletta di Kapur

**

 

[10-11-2007]

 
Lascia il tuo commento