Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Si barrica e spara sulla gente

arrestato ex tiratore scelto dell'esercito

Un gesto di "ordinaria follia", un ex militare ha sparato dal terrazzo di casa e ha ucciso una persona ferendone almeno otto. Solo dopo aver finito le munizioni ha deciso di arrendersi e lasciarsi catturare.

Angelo Spagnoli, 52 anni, un ex tiratore scelto dell'esercito, ha aperto il fuoco dal terrazzo della sua casa nei pressi di un centro commerciale tra Villalba di Guidonia e Bagni di Tivoli, lungo una traversa della via Tiburtina.

"Vi odio, vi ammazzo tutti" - gridava l'uomo dal terrazzo della sua abitazione. "Non ha sparato a caso, ha colpito alla testa, ha mirato, era un professionista, un ex ufficiale dell'esercito. L'uomo non appariva né ubriaco né drogato, una persona instabile", hanno spiegato il questore di Roma Marcello Fulvi e il comandante provinciale dei carabinieri Vittorio Tomasone. "Per quello che sappiamo - hanno aggiunto - è una persona senza lavoro, che ha maturato insoddisfazione".

Due feriti sarebbero in gravi condizioni. A essere rimasti colpiti, in maniera lieve, anche un agente di polizia e tre carabinieri. Al momento non si conoscono le ragioni che hanno spinto l'uomo armato di fucile e pistola ad aprire il fuoco.

I primi racconti dei testimoni descrivono una scena drammatica. "Abbiamo visto delle fiamme da un terrazzo a via Fratelli Gualandi, abbiamo citofonato per avvisare, è sceso un signore e ci ha insultato gridandoci di farci i fatti nostri. Poi ha iniziato a gettare benzina sul fuoco, noi abbiamo cercato di fermare il traffico e poi lui ha iniziato a sparare", ha riferito Margherita Gianfelice, la figlia di Stefania Piazzi e Giuseppe Gianfelice, due delle persone rimaste ferite. "Mia madre - ha detto ancora piangendo - è stata colpita all'addome. Mio padre non so, è rimasto lì, non riescono a portarlo perché questo matto continua a sparare".

Spagnolo pare avesse sofferto di depressione, l'uomo aveva studiato la sua folle azione da tempo. In casa aveva sistemato infatti delle mine e la polizia per entrare nell'appartamento ha dovuto chiedere l'intervento degli artificieri.

 
 

[03-11-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE