Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Ultimatum ad Alitalia

un anno di vita

Dodici mesi di vita. E’ questo il lasso temporale concesso ad Alitalia. Secondo il collegio dei sindaci, la cui relazione del primo semestre 2007 è stata pubblicata ieri, un anno di tempo è il termine ultimo per la compagnia italiana. In questa fase Alitalia, di cui il Tesoro ha posto in vendita la propria quota (49,9%), dovrà riuscire a vendere gli asset considerati non strategici nel Piano Industriale 2008 – 2010. Se tale monetizzazione non venisse realizzata, il consumo delle risorse potrebbe risultare accelerato. Verrebbe meno così uno dei presupposti della continuità aziendale.

Intanto secondo il rapporto la posizione finanziaria della compagnia non è delle migliori. Alitalia continua a bruciare risorse: al 30 settembre scorso la liquidità era di 442 milioni di euro, in calo di 80 milioni rispetto ad agosto. L’esigenza di un consistente apporto di risorse finanziarie  mediante aumento di capitale diviene quanto mai impellente. E’ importante inoltre che venga mantenuta fede alla promessa del presidente di Alitalia, Maurizio Prato, di individuare, entro la metà del mese, l’aspirante acquirente con cui proseguire la trattativa. Tra i potenziali vi sarebbero AirFrance, Lufthansa, e Aeroflot. Nessun passo ufficiale è stato ancora fatto, il terreno viene sondato con cautela per valutare l’effettiva percorribilità di un’alleanza. La tesi più accreditata sembra quella che prevederebbe comunque l’affiancamento di un partner italiano all’acquirente straniero della compagnia di bandiera.

[02-11-2007]

 
Lascia il tuo commento